Zayn Malik bloccato in aeroporto e tenuto sotto interrogatorio per ben tre ore!

https://68.media.tumblr.com/e4f308957a0e6cc325862c04e12fed2c/tumblr_orsk0zBFx61rhqshho1_1280.jpg
Ecrit par

Zayn Malik è stato bloccato e interrogato in aeroporto negli USA per ben tre ore, ecco perché!

Zayn Malik è ufficialmente sul mercato, ma non nel senso che si potrebbe pensare. Il ragazzo non è infatti tornato single e la sua storia d’amore con la modella Gigi Hadid prosegue a gonfie vele, senza intoppi e senza traumi. Il “mercato” di cui parlavamo pocanzi infatti non riguarda le questioni amorose ma quelle lavorative, proprio nei giorni scorsi Zayn ha infatti visto finalmente venire alla luce la collezione che lui stesso ha progettato per Versus Versace, e che ora è finalmente acquistabile per tutti quanti non solo sul sito del brand, ma anche in alcuni negozi. Una bella avventura questa per Malik che, nel corso degli ultimi anni, è apparso sempre più affascinato dal mondo della moda.

ALCUNI RECENTI SCATTI DI ZAYN MALIK
Zayn Malik bloccato in aeroporto e tenuto sotto interrogatorio per ben tre ore!
Zayn Malik bloccato in aeroporto e tenuto sotto interrogatorio per ben tre ore!
Zayn Malik bloccato in aeroporto e tenuto sotto interrogatorio per ben tre ore!
Zayn Malik bloccato in aeroporto e tenuto sotto interrogatorio per ben tre ore!
Zayn Malik bloccato in aeroporto e tenuto sotto interrogatorio per ben tre ore!
Zayn Malik bloccato in aeroporto e tenuto sotto interrogatorio per ben tre ore!

Nonostante sia una celebrity conosciuta a livello mondiale questo non significa che anche Zayn possa avere della disavventure, proprio come ha raccontato durante un’intervista con Evening Standard “e riportata dal Sun), nella quale ha riportato una brutta avventura capitatagli in aeroporto negli USA ormai parecchio tempo fa, quando aveva 17 anni e militava negli One Direction, ritrovandosi a dover affrontare ben tre diversi controlli di sicurezza prima ancora di salire a bordo del suo aereo per Londra: “Prima hanno detto che ero stato selezionato in modo casuale, e poi hanno detto che era qualcosa che aveva a che fare con il mio nome” ha spiegato Malik “Quando sono atterrato in America, è stato come in un film. Mi hanno tenuto lì per tre ore, interrogandomi su un sacco di cose folli”. Chi se lo sarebbe mai immaginato un retroscena così?

Crediti: Archivio web, Instagram, Gotham, Getty Images