Youporn, Pornhub e Redtube: I siti porno a favore della Net Neutrality

La campagna per la Net Neutrality
Ecrit par

Youporn, Pornhub e Redtube si schierano a favore della giornata per il mantenimento della Net Neutrality. I tre siti porno, insieme ad altri portali e social network, sono pronti a difendere l’utilizzo gratuito di contenuti multimediali.

Youporn, Pornhub e Redtube, tre dei maggiori siti porno a livello internazionale, sostengono l’iniziativa Battle For The Net, la campagna a favore del mantenimento della così detta Net Neutrality. La campagna, in nome della quale è prevista mercoledì 10 settembre una giornata di protesta, si batte contro la possibilità che esistano differenti velocità per trasmettere contenuti multimediali attraverso il web. Questa diversificazione, infatti, potrebbe derivare da qualche accordo commerciale che penalizzerebbe l’utilizzo gratuito della Rete a favore di un sistema a pagamento. L’obiettivo dell’organizzazione che sostiene questa battaglia è di coinvolgere il maggior numero di siti, portali, social network, app e utenti, per sensibilizzare l’opinione pubblica su questo tema. La dura opposizione a questa nuova possibile forma è stata accelerata a causa dell’imminente chiusura della discussione dell’americana Federal Commission Communication sulla mozione presentata dal presidente della stessa commissione per cui, a prezzi ragionevoli, sarebbe opportuno differenziare l’offerta di questo tipo di contenuti.

Altri articoli su Rocco Siffredi vs YouPorn: "Ha rovinato i giovani e la loro sessualità"Youporn: I concorrenti nazionali del porno globalizzatoYouporn: Donne porno dipendenti come gli uomini?Fuckarama: La versione porno di Futurama dei WoodRocket

A questa ipotesi si è subito detto contrario il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, che vuole mantenere gratuita la possibilità di accesso a internet e per “permettere il successo di un prossimo Google o Facebook”. Infatti, oltre agli utenti, i primi ad essere penalizzati potrebbero essere le start-up innovative, che hanno bisogno di poter accedere alla rete senza barriere d’entrata, per potersi sviluppare. Il sostegno dei già citati Youporn, Pornhub e Redtube, insieme a Google, Facebook, Youtube e molti altri, è motivato dalla tesi per cui “Se loro vincono, Internet muore.” Nel comunicato stampa i promotori sostengono inoltre: “Noi crediamo in un utilizzo aperto e gratuito di Internet, senza nessuna commissione arbitraria o corsie più lente per i siti che non possano permettersi queste spese.”

Crediti: web