XLove: Amore e sesso in carcere (VIDEO)

XLove, Amore in carcere
Ecrit par

XLove brandizzato Iene presenta un servizio particolare, sul carcere in love. Come vivono un amore i detenuti? E come si incontrano?

La seconda puntata di XLove presenta un servizio sull’amore dietro le sbarre. Pablo Trincia incontra Luigia e Andrea, che si sono conosciuti nel carcere di Bollate, si sono innamorati, hanno sognato un futuro insieme e hanno aspettato la libertà. Finalmente hanno ottenuto un permesso per passare del tempo in intimità. Lei è tesa. “Sono confusa” “Confusa o felice? ” “Tutt’e due”. Luigia è uscita da poco dal carcere, Andrea era un detenuto-volontario nella sezione femminile, dove i due si sono conosciuti. Quanti, quali problemi? Capitolo uno, l’astinenza. Come fare? “L’ho combattuta a giornaletti” risponde Andrea. Ma si può costruire un amore in un mondo pieno di mura? È un universo stile anni ’50 senza social, senza telefonini, dove si può solo scrivere lettere. Un mood quasi vintage nel dramma della prigionia. Se gli innamorati dimostrano alle autorità di scriversi regolarmente, viene accordato il permesso nelle aree addette, dove possono stare insieme e, volendo, anche cucinare un dolce. In quest’area ci sono diverse coppie di innamorati, come Sabrina e Luca o come e le storie hanno più risvolti alla Beautiful di quanto si potrebbe immaginare “Ci siamo conosciuti ma lei stava con un altro” racconta un ragazzo. La domanda è una, per tutti, tra tutti. “Tu quando esci? ” “2018”, “2016”, “2019”.

Guarda il video del servizio di XLove sull'amore in carcere

Uomini e donne innamorati possono vedersi una volta alla settimana, oppure dalla finestra. Il carcere ha sorprendenti momenti romantici “Ci facciamo i cuori attraverso i vetri” racconta una ragazza. Rapporti sessuali inesistenti “Non si può neanche baciare in un certo modo”. Poi ci sono altri due ragazzi, che si sono conosciuti fuori dal carcere, durante i permessi. Ma anche per loro nessuna intimità o quasi “Abbiamo consumato il 15 agosto 2012 all’Idroscalo, quando eravamo a pulire le bottiglie e le lattine”. Quando si dice “carpe diem”… Il carcere fa riscoprire l’epoca del primo amore, con le letterine e i gesti alla finestra? “In quel poco tempo che ti vedi ti prendi solo il bello, i baci, la passione”. E fuori cosa succederà? Quale sarà la prima cosa? “Una passeggiata sul lungomare sotto le stelle”. Il tutto finisce con un coro di libertà e anime romantiche: “Te voglio bene assaje”, tra le mura e le finestre del carcere di Bollate.

XLove: Amore e sesso in carcere (VIDEO)
Crediti: VideoMediaset, Youtube, web