Whatsapp: Doppia spunta blu, le migliori scuse per aggirarla

WhatsApp ha introdotto la doppia spunta blu
Ecrit par

L'incubo si è palesato. WhatsApp ha introdotto la fatidica doppia spunta blu, quella che distruggerà la nostra e i nostri rapporti interpersonali. Quali sono le migliori scuse per aggirarla? Aiutateci twittando ‪#‎scuseperwhatsapp‬ !

É arrivata quasi in sordina senza nemmeno bisogno di un aggiornamento, come un fulmine a ciel sereno di colore blu cobalto. Stiamo parlando del fatidico segno blu che segnerà la fine della nostra sanità mentale e di quel poco di privacy che ci era rimasta. WhatsApp ha infatti introdotto nella sua applicazione un nuovo segno distintivo: si chiama doppia spunta blu e indica che il nostro messaggio è stato letto. Quanti di noi si erano cullati nel dolce sogno di scuse semplici semplici come “Scusami tanto ma non avevo letto” dovranno rassegnarsi, i nostri interlocutori sapranno se e quando ignoriamo il messaggio. Da qui la disperazione di una buona parte degli utenti e di coloro che speravano di conservare un WhatsApp senza spunta blu a prova di scocciatori. Tutto questo da oggi non sarà più possibile, gli altarini si scopriranno e il mondo di sgretolerà su se stesso in una sorta di inferno dai colori blu cobalto dove nessuno sarà più al sicuro e solo l'oblio, la distruzione del proprio smartphone e l'utilizzo di un vecchio Nokia 3330 potranno salvarci. Per chi invece è costretto a continuare a utilizzare il servizio da poco acquistato da Facebook abbiamo provato a raccogliere qualche consiglio per potersi riappropriare della propria “intimità smartphonica” perduta. Usateli con parsimonia e una certa coerenza, l'utente medio è scaltro e intelligente e potrebbe scoprirvi facilmente.

Terza spunta o meno è giusto sottolineare quanto alcune delle scuse storiche siano ancora incredibilmente valide nonostante l'arrivo della falce blu della morte: chi non ha mai risposto con frasi del tipo “Scusa mi si è scaricato il cellulare” o la sua variante “Perdonami, ero senza batteria”, per non parlare del mitico “Il mio cellulare funziona malissimo”. Insomma, dare la colpa al vostro smartphone potrebbe essere la scusa migliore da utilizzare per costruirvi un alibi perfetto, poco importase avete tra le mani un iPhone 6 che è capace di farvi il caffè solo sfiorando il Touch ID. Dare la colpa a qualcun altro è una soluzione altrettanto valida: “Scusa era mio fratello che giocava con il telefono”, oppure “Mia cuginetta di 6 mesi si diverte a schiacciare lo schermo” “Il figlio appena nato del mio vicino di casa stava guardando il cellulare”; la cosa più importante è che il soggetto a cui addossare la responsabilità abbia un'età compresa tra 0 e 6 anni ed esista davvero. Non potete sapere quanto a fondo si possano spingere le informazioni che le persone hanno su di noi. Un punto a vostro favore potrebbe essere quello che gli esperti chiamano “effetto Memento”, meglio conosciuto come “Non mi ricordo come si chiama mia madre, figurati se posso ricordarmi di rispondere a chiunque mi abbia scritto su WhatsApp”. Ecco, giocare questa carta potrebbe essere una scelta molto saggia, come quella di fingere che la vostra memoria si resetti automaticamente ogni 24 ore: “Scusa ho letto ieri ma mi ero proprio dimenticato di rispondere”.

Poi, come nel Monopoli, ci sono le carte “Imprevisti”, quei fattori esterni che chi non sta con voi non può conoscere: “Ero ad una festa e non sono riuscito a rispondere”, “Ho letto e poi il mio volo per Honolulu è partito”, “Sono in macchina e internet non mi prende”, “Il mio cugino di sedicesimo grado si è sentito male e sono in ospedale”. Se avrete un po' di fortuna potreste invece imbattervi in persone che non conoscono il significato della doppia spunta blu e che potrete abbindolare come meglio credete. Ma si tratta di pochissimi eletti baciati da una fortuna sfacciata e quasi divina. É un momento tragico per tutta l'umanità ed è proprio in certi momenti che dobbiamo fare quadrato e unirci insieme per trovare una soluzione. Noi vi abbiamo fatto alcune semplici proposte voi riuscireste a fare di meglio? Quali sono le scuse migliori per aggirare questo nuovo strumento della doppia spunta blu appositamente creato dal maligno per distruggerci? In ogni caso non facciamoci prendere dal panico, mal che vada abbiamo sempre dalla nostra la soluzione finale: facciamo esplodere il nostro telefono in mille pezzi e comunichiamo con metodi meno invasivi come i segnali di fumo, oppure torniamo alla vecchia abitudine degli sms, quegli obsoleti e vetusti messaggi di testo lunghi poco più di un tweet e che sembrano tanto passati di moda. “Perché non mi hai risposto? ” -“Guarda non ho ricevuto assolutamente nulla, a volte non prende proprio e ci sono problemi con la linea telefonica.. Maledetta Omnitel! ”. Bei tempi quelli. Voi che scuse userete per aggirare la doppia spunta blu di WhatsApp? Aiutateci twittando #scuseperwhatsapp !

Crediti: Archivio web, Twitter