Valentino Rossi: La MotoGP 2016 vivrà una nuova popolarità?

La MotoGP vivrà una nuova popolarità nel 2016?
Ecrit par

Il ritorno a grandi livelli di Valentino Rossi e la grande rivalità con Marquez e Lorenzo daranno alla MotoGP 2016 una popolarità mai vista prima? Scopri di più.

Non tutto il male viene per nuocere. Lo scontro tra Valentino Rossi e Marquez e la successiva polemica sul biscotto tra lo stesso spagnolo e Lorenzo hanno gettato un velo nero su tutto il Motomondiale, portando alla luce una situazione mai vista prima e per certi versi terribile, una lunga serie di polemiche e di critiche che non accennano ancora a placarsi. É già trascorso quasi un mese dall'incredibile epilogo di Valencia e i tifosi continuano a dar manforte ai loro schieramenti, difendendo a spada tratta l'uno o l'altro contendente. Una situazione mai vista prima in uno sport che è sempre stato abbastanza popolare ma che da qualche anno a questa parte aveva visto diminuire sensibilmente il suo seguito, in primo luogo in Italia. Il marciume venuto a galla nelle ultime tre gare della stagione sarà difficile da lavare via, ma è probabile che da tutto questo possa anche arrivare qualcosa di positivo. Molte persone si sono avvicinate alla MotoGP attirate da quanto successo e queste polemiche hanno – forse per la prima volta – fatto diventare il Motomondiale più popolare della Formula Uno. Per il bene delle due ruote bisognerà fare in modo che questo seguito non diminuisca, riversandosi tutto nella prossima stagione.

Valentino Rossi: La MotoGP 2016 vivrà una nuova popolarità?

Il 2016 sarà un anno davvero cruciale per la MotoGP. Il cambio di regolamento tecnico e di gomme aveva già da tempo fatto cerchiare di rosso la prossima stagione; lo scontro Rossi-Marquez e Lorenzo ha inevitabilmente fatto il resto, per non parlare del clamoroso ritorno di immagine che avrà la ricomparsa di Stoner sulla Ducati. Tutti questi elementi ci fanno davvero ben sperare per il futuro, regalandoci la concreta possibilità che questa ritrovata popolarità, seppur distorta da certi elementi, possa far davvero bene alla MotoGP. La sensazione è che tutti quelli che si sono riavvicinati alle due ruote in questo finale di stagione avranno voglia anche il prossimo anno di scoprire cosa succederà, spinti dalla morbosa curiosità di vedere quale sarà la nuova puntata dello scontro tra Rossi e i piloti spagnoli. In questo modo anche i meno avvezzi ai tecnicismi delle moto o i meno appassionati avranno l'opportunità di avvicinarsi ulteriormente a questo sport e magari di scoprirvi una nuova passione. Storicamente, tutte le rivalità sportive hanno portato benefici agli sport di riferimento, a maggior ragione quando si sono mosse intorno a figure altrettanto importanti e mediaticamente appetibili.

Valentino Rossi: La MotoGP 2016 vivrà una nuova popolarità?

Se osserviamo bene la situazione della MotoGP possiamo facilmente capire come tutti gli elementi per un ulteriore exploit di popolarità ci siano tutte. C'è il pilota più forte di tutti i tempi ancora in pista, capace da solo di sollevare masse di fan, appassionati e tifosi sfegatati. Per molti Valentino Rossi vale da solo il prezzo del biglietto. Intorno a lui si muovono altri due campioni incredibili – tre se contiamo anche Pedrosa – con i quali è nata una rivalità talmente forte da travalicare i confini dello sport. Questo scontro, arrivato anche ai tribunali, ha catalizzato l'attenzione di tutto il mondo, anche di chi non aveva mai visto una gara di MotoGP. Gli scontri agonistici hanno sempre avuto una facile presa sul pubblico e la sensazione per tutti è che non sia finita qui, che in pista si vedranno altri momenti incredibili, che non mancheranno di emozionare e far nascere nuove e ulteriori polemiche. É un gioco perverso, in parte dannoso per l'aria pesante che potrebbe nuovamente nascere, ma che in linea generale può fare molto bene alla MotoGP, aumentandone il seguito come mai era accaduta, rendendola uno sport globale e apprezzato in tutto il mondo. In un momento storico in cui la Formula Uno non sta certo vivendo uno dei suoi periodi migliori è importante che il Motomondiale stia crescendo in questo modo. Abbiamo bisogno di uno sport competitivo, divertente e capace si appassionare in maniera così viscerale. Il 2016 sarà davvero l'anno del trionfo per la MotoGP?

Crediti: Archivio web