Università: Le facoltà più inutili per Almalaurea

Il rapporto di Almalaurea
Ecrit par

Alma laurea, il consorzio universitario che si occupa della ricerca dati dell’istruzione italiana, ha pubblicato la classifica delle facoltà che inseriscono con più difficoltà nel mondo del lavoro, in vista del nuovo anno universitario 2014/2015.

Sta per cominciare il nuovo anno universitario 2014/2015, che vedrà il ritorno dei vecchi studenti e l’arrivo degli ex liceali, tra i banche degli Atenei di tutta Italia. Almalaurea, il consorzio interuniversitario al servizio dei laureati, che si occupa di pubblicare i dati che interessano l’istruzione del nostro paese, ha pubblicato i dati relativi alle varie facoltà che compongono l’offerta formativa italiana. L’istituto ha stilato l’elenco delle facoltà più inutili basandosi sull’impiego trovato dagli studenti una volta laureati, in un range di tempo di 1-3-5 anni dopo aver ottenuto il diploma. Si tratta evidentemente di una pubblicazione importante per gli studenti ancora indecisi in questi ultimi giorni d’iscrizione, che potranno ricevere degli utili consigli su quello che potrebbe essere il loro futuro. Il dato in generale dell'occupazione nel rapporto del 2013 a un anno dalla magistrale è del 55% dei laureati, che riescono a guadagnare in media 1.013 euro mensili.

Entrando nel dettaglio troviamo al primo posto delle lauree più inutili, la facoltà di Giurisprudenza, con il tasso di disoccupazione del 24%. Al secondo posto si posiziona invece Psicologia con il 18% dei laureati che non riesce a trovare lavoro dopo il diploma. Conclude il podio Lettere che vede il 14% dei suoi studenti inoccupati a poco tempo dal conseguimento del titolo. All’ultimo posto di questa particolare classifica da leggere al contrario è Sociologia con una percentuale di poco superiore al 10%. Fuori concorso sono invece Medicina e Chirurgia, Ingegneria, Biotecnologie, Farmacia e Scienze Statische che registrano il più alto tasso di occupazione in Italia.

Crediti: web , opinioni-master.it, Youtube