Uncharted 4: Naughty Dog accusata di razzismo, è polemica

Uncharted 4, accuse di razzismo per il personaggio di Nadine Ross
Ecrit par

Polemiche infuocate per gli sviluppatori di Naughty Dog e per il loro Uncharted 4, esclusiva PS4 in uscita ad aprile. Scopri di più su melty.

Non solo notizie golose per quanti attendono il grande ritorno di Nathan Drake sulla console di ultima generazione a marchio Sony. Dopo aver alzato il sipario sul bundle di PlayStation 4 con il loro Uncharted 4 (Uncharted 4: PS4 in bundle con Fine di un Ladro), oggi i ragazzi di Naughty Dog sono infatti al centro di un'accesa polemica, resa assai più acre e d'impatto dalle casse di risonanza del web. Ricorderete che durante i The Game Awards dello scorso anno il team californiano aveva annunciato il personaggio di Nadine Ross per il suo gioco, una donna di colore particolarmente attraente. Personaggio a cui è stata affibbiata la voce dell'attrice Laura Bailey, che come molti di voi sapranno è bianca. Spazio allora ad accese accuse nei confronti dei "cagnacci" di Naughty, additati addirittura di razzismo.

A difesa dello studio - che avrebbe preferito usare una doppiatrice famosa piuttosto che una più adatta alla parte - è intervenuta la stessa Bailey via Twitter, che ha affermato che durante le sessioni di casting per il personaggio hanno partecipato tantissime attrici di etnie e nazionalità diverse. Di Nadine Ross era stato comunicato solo il carattere e non l'aspetto fisico, così come il suo forte accento sudafricano, sul quale la nostra Laura si è esercitata a tal punto da ottenere la parte. Voi cosa ne pensate, non vi sembra un polverone esagerato quello che si è creato attorno ad Uncharted 4 Fine di un Ladro? Oppure sposate le accuse?

Crediti: Naughty Dog