True Detective: Episodio 1 e 2, riassunto e commento

Matthew McConaughey è Rust Cohle
Ecrit par

Sono andati in onda su Sky Atlantic HD i primi due episodi di "True Detective", la serie tv tanto attesa con protagonisti Matthew McConaughey e Woody Harrelson. I due indagano su un brutale omicidio in Louisiana.

True Detective (scopri tutto quello da sapere sula serie tv) ha preso il via ieri, venerdì 3 ottobre 2013 su Sky Atlantic HD. Come? Ve lo siete perso? Tranquilli, verrà riproposto in chiaro domenica 5 ottobre su Cielo (canale 26 del digitale terrestre). Se poi siete impazienti, l’attesa non fa per voi, odiate le file alle Poste e la pubblicità durante un film, non c’è che una sola soluzione al vostro problema: continuare a leggere l’articolo per sapere cosa è successo nei primi due episodi di True Detective (accuse di plagio per la serie tv) andati in onda. Lo spettatore, fin dalle prime battute, viene proiettato nel mezzo dell’azione, scissa in due piani di narrazione spazio-temporale: il 2012, con un doppio interrogatorio/confronto cui sono sottoposti i due detective Rusty Cohle (un Matthew McConaughey irriconoscibile dopo la cura Dallas Buyers Club) e Marty Hart (Woody Harrelson senza il parruccone biondo che sfoggerà nei flashback) per un caso di omicidio su cui indagavano; poi con una sovrapposizione scenica e temporale si torna indietro al 1995, in Louisiana, dove troviamo i due protagonisti alle prese con un caso di omicidio dai risvolti inquietanti.

Altri articoli su True DetectiveTrue Detective: 10 motivi per vedere la serie con Matthew McConaugheyTrue Detective: 2^ stagione, William Friedkin e nuovi protagonistiTrue Detective 2: Vince Vaughn nel cast e trama satanicaTrue Detective: 3 cose da sapere sulla serie tv Sky con Matthew McConaughey

Episodio 1: La Lunga Luminosa Oscurità

L’incipit di True Detective (scopri i dettagli della seconda stagione) è incentrato su un caso di omicidio, quello della giovane ex-prostituta Dora Lange, dai contorni oscuri e macabri. Il corpo della vittima viene trovato dagli agenti Hart (Woody Harrelson) e Cohle (McConaughey) in una piantagione, in posizione genuflessa, legato a un albero e con delle corna di cervo sul capo. È chiaro fin da subito che non si tratta di un semplice omicidio: sembra la scena di un rito satanico: ramoscelli intrecciati a formare una gabbia e disposti agli angoli intorno al corpo della vittima, spirali disegnate con un acrilico che somigliano a dei geroglifici oscuri. Tutto fa sembrare ad un rituale satanico e di morte. I continui salti temporali conducono poi all’ interrogatorio a cui sono sottoposti i due agenti nel 2012 e che ha molti punti in comune con quello della Louisiana.

Woody Harrelson e Matthew McConaughey
Woody Harrelson e Matthew McConaughey

Tornando al 1995, assistiamo al nascere del rapporto tra Hart e Cohle (che nel 2012 dichiareranno di non parlarsi da dieci anni): i due, col passare dei giorni, si conoscono: Cohle è un brillante detective, dall’intuito infallibile ma dalla personalità disturbata, ossessionato dal rimorso per la morte della figlia. Affoga il suo malessere nell’alcool e nelle droghe (si droga con la droga, direbbe Maccio Capatonda). Hart invece è sposato, ordinario e ben voluto dai colleghi. Mentre il sindaco inizia a mettere pressione alla Polizia della Louisiana e Cohle indaga tra le prostitute della zona, riemerge all’improvviso il caso di Marie Fontenot, bambina che cinque anni prima era stata rapita e le cui ricerche si erano rivelate del tutto inutili. Inoltre, lo sceriffo Tate riporta alla luce anche la vicenda di una bambina che tempo prima aveva raccontato di essere stata inseguita in un bosco da “un mostro con le orecchie verdi“. Attraverso un ritmo compassato (forse fin troppo) ed una regia asciutta e minimalista, giungiamo all’epilogo del primo episodio di True Detective, che termina con i due agenti che fanno visita allo zio della piccola Fontenot: nei pressi del suo giardino, viene trovato un altro reticolo di ramoscelli, che fanno pensare al legame tra il rapimento di Marie e l’uccisione di Dora.

Matthew McConaughey irriconoscibile nella puntata numero 1
Matthew McConaughey irriconoscibile nella puntata numero 1
Episodio 2. Visioni

Il secondo episodio di True Detective si apre col prosieguo delle indagini di Hart e Cohle, alla ricerca di legami tra l’assassinio di Dora Lange e altri casi simili o indizi legati all’oscura vicenda. Cohle scopre che Hart ha un’amante: si tratta della giovane Lisa (Alexandra Daddario), e la scoperta di ciò surriscalderà i rapporti già non idilliaci tra i due detective. Nel frattempo una tra le prostitute interpellate rivela agli agenti che Dora, negli ultimi tempi, si era avvicinata a una comunità di ragazze sbandate che vivono in un ranch: tra di loro, c’è la minorenne Beth, che consegna ai due il diario di Dora. Nelle pagine del diario della ragazza uccisa viene alla luce un importante indizio: Dora viveva sotto l’influenza di una malefica figura, che lei chiamava Il Re Giallo. Nel diario è nominato anche un luogo misterioso: Carcosa. L’episodio si conclude con Hart e Cohle che scoprono sulle pareti di una sperduta chiesa in rovina il disegno di una donna con delle corna da cervo sulla testa.

Woody Harrelson e Matthew McConaughey
Woody Harrelson e Matthew McConaughey
Crediti: web , HBO, T.c.d, Visual Press Agency