The Walking Dead 6x13: Io sono Negan, streaming, trama completa e spoiler 

The Walking Dead 6x13, streaming e recap episodio
Ecrit par

Il destino di Carol e Maggie nell'episodio 13 della stagione 6 di The Walking Dead. Scopri in anteprima cosa è successo in "The Same Boat" tra Rick e i Salvatori di Negan.

Nuovo lunedì e nuovo episodio per la sesta stagione di The Walking Dead. Tredicesima puntata, "The Same Boat", che come da tradizione abbiamo seguito in diretta streaming con gli Stati Uniti, e che accorcia le distanze con l'attesissimo Season Finale (The Walking Dead 6: Verso il Season Finale, spoiler e trama degli ultimi 3 episodi). Un appuntamento quasi tutto "al femminile" (The Walking Dead 6: Un episodio al femminile, anticipazioni e video 6x13) dopo il primo attacco da parte di Rick Grimes ai Salvatori guidati da Negan e il conseguente rapimento di Maggie Greene e Carol Peletier, vere eroine di questa 6x13. La puntata si apre ripresentandoci lo stesso momento di "Not Tomorrow Yet" in cui abbiamo visto le due donne scontrarsi. Scena che viene interrotta dall'arrivo dei Salavotori. Uno di loro - che scopriremo chiamarsi Donny - aggredisce le nostre due sopravvissute, affiancato da Paula, che punta una pistola alla testa di Carol. Con loro, due Savior più anziani: Molly e una donna dai capelli castani.

Leggi anche su melty >>> The Walking Dead 6: Un'attrazione permanente apre agli Universal Studios

Il gruppetto osserva con un binocolo la scena in cui Primo - uno dei Salvatori rimasto al quartier generale della comunità - viene colpito da Daryl mentre è a cavallo della sua moto. Paula interviene via walkie-talkie per salvargli la vita - ancora una sequenza dalla scorsa settimana, ma da un punto di vista diverso -, ma non accetta la successiva proposta di scambiare due ostaggi per uno. Subito dopo Carol e Maggie vengono legate e spostate in un luogo sicuro. Carol nel tragitto riesce a rubare un rosario da un walker, fingendosi iperventilazione così da farsi togliere il bavaglio da Molly - detta "Molls" - , che lo consegna all'"uccellino nervoso". "Hai davvero paura di morire?", le chiede Paula. Carol le risponde di non essere preoccupata per la sua sorte, ma per quella di Maggie e del suo bambino. Apparentemente la donna segna una grossa croce sulla testa della sua compagna, rendendola un bersaglio assai più vulnerabile a causa della sua gravidanza. Gravidanza che pare non impietosire le aguzzine tra le fila dei Salvatori. Più tardi, il dolore per la ferita di Donny fa intensificare la sua rabbia. Perché dovrebbe soffrire quando Carol è seduta e del tutto illesa? "Sparale nel braccio", suggerisce l'uomo, sfogando la sua ira sulla donna, placata solo dall'intervento di Paula. Maggie nel frattempo viene trasferita in un'altra stanza per essere interrogata. In realtà scopriamo molte più cose sui Salvatori che i nemici sul campo di Maggie - la zona sicura di Alexandria.

The Walking Dead 6x13, cosa è successo a Carol e Maggie?
The Walking Dead 6x13, cosa è successo a Carol e Maggie?

Intanto Paula e Carol sono impegnate in una delle peggiori "conversazioni tra ragazze" di sempre. Come quando Carol confida alla donna il suo dolore per la perdita della figlia Sophia, incalzata poi dalla risposta della sua nemica - "Tranquilla, è probabile che tu riesca a rivederla presto" (minacciando così di ucciderla). Dopo che Paula ha rifiutato l'accordo con Rick, emergono finalmente le capacità recitative di Carol (The Walking Dead 6x13: Carol morirà sacrificandosi per Maggie?). Riferisce ai suoi aguzzini che il suo gruppo ha attaccato il campo dei Salvatori per paura di ritorsioni dopo che Daryl, Sasha e Abraham si erano imbattuti in alcuni loro compagni, poi brutalmente uccisi da "Mr. Balestra" con un colpo di lanciarazzi. Gli stessi uomini che avevano menzionato Negan. "Chi è Negan?", aggiunge Carol. "Tesoro, tesoro", risponde Molls, "siamo tutti Negan" - una frase cult nei fumetti di The Walking Dead.

Più avanti, Carol cerca di intimidire Paula. La donna era una madre, moglie e segretaria, trasformatosi in una spietata killer con l'arrivo dell'Apocalisse. E' lei quella che in realtà ha paura di morire, morte che secondo Carol arriverà molto presto se non dovesse accettare l'offerta di Rick. A queste parole, i Salvatori - con i rinforzi troppo distanti - si organizzano frettolosamente per un agguato, permettendo con la loro distrazione di far liberare Carol con il rosario. La donna libera poi Maggie, che vorrebbe finire i loro nemici una volta per tutte, incappando inaspettatamente nell'opposizione della sua compagna - che Carol stia via via appoggiando le idee "pacifiste" di Morgan (The Walking Dead 6: Morgan, ecco cosa sta costruendo con la saldatrice)?

Segue un'intensa lotta tra Carol, Maggie e i loro rapitori guidati da Paula. Lotta che, nonostante alcune esitazioni, finirà a favore delle nostre (anti)eroine. Rick, Daryl e gli altri arrivano in loro soccorso a lavoro già compiuto, constatando solo quanto le due donne siano "toste" - nonostante la gravidanza della moglie di Glenn. Carol e Daryl condividono un tenero momento ed un abbraccio, mentre Rick cerca di ottenere delle risposte da Primo. "Come hai ottenuto la moto? Negan era presente durante l'attacco alla vostra base?". "Sono io Negan", risponde Primo, ricevendo in cambio una pallottola in testa da parte dell'ex sceriffo. Una scena a cui Carol assiste impotente, stringendo così forte il rosario da farle sanguinare la mano. Una scelta infelice, che siamo sicuri scatenerà la furia del vero Negan nell'episodio finale della sesta stagione di The Walking Dead, trascinando uno più membri del gruppo verso una morte certa (The Walking Dead 6: Negan uccide uno dei protagonisti, il video spoiler dal finale).

Crediti: AMC