The Walking Dead 6: Carol sarebbe dovuta morire al posto di T-Dog

The Walking Dead 6, Carol scampata alla morte
Ecrit par

In attesa della 6^ stagione di The Walking Dead, di ritorno il 14 febbraio con la 6B, il producer Greg Nicotero ci svela alcuni retroscena sul personaggio di Carol Peletier.

In attesa del 14 febbraio, e del grande ritorno della seconda parte della sesta stagione di The Walking Dead con l'episodio 9, "No Way Out" (The Walking Dead 6x09: Rick, Carl e Michonne nel trailer inedito), le pagine di melty continuano ad ospitare anticipazioni di ogni genere sullo show a tinte post-apocalittiche, così come inattese indiscrezioni. A questo giro concentrare sul personaggio di Carol Peletier, uno sei sopravvissuti più amati dal pubblico e tra quelli che più di tutti hanno compiuto un'evidente evoluzione nelle dinamiche narrative della serie. Evoluzione che rischiava di non prendere forma, almeno a sentire le ultime dichiarazioni sulla rivista SFX di Greg Nicotero, addetto agli effetti speciali e uno degli executive producer di The Walking Dead.

Secondo Nicotero, infatti, la nostra Carol era già stata segnata con una X rossa dagli sceneggiatori nella terza stagione. "Poche persone lo sanno, ma quando stavamo per girare la stagione 3, eravamo convinti di fare fuori il personaggio di Carol. Nell'episodio in cui muore T-Dog, sarebbe dovuta morire lei al suo posto". Eppure, dopo alcune puntate di agonia, la "survivor" interpretata da Melissa McBride riappare sugli schermi per la nostra gioia, e per quella di Daryl (The Walking Dead 6: Daryl, lupo solitario fino alla fine?). Il buon Greg prosegue: "A quei tempi c'era una certa preoccupazione da parte degli scrittori, che non sapevano come far evolvere il suo personaggio, già morto nei fumetti. L'essere riusciti a creare per lei una storia fantastica dimostra come tutti i personaggi abbiano del potenziale non espresso e poco sfruttato". E voi, sareste in grado di immaginare The Walking Dead senza Carol?

Crediti: AMC