The Voice: Silvia e Flavio Capasso finalisti del team Noemi

Silvia Capasso
Ecrit par

Al 1° Live Show di The Voice of Italy è il momento delle performance spettacolo. Conosciamo i primi due finalisti: Silvia Capasso, scelta dal pubblico, e Flavio Capasso, scelto dalla coach Noemi.

Il primo team ad aprire la serata live di The Voice of Italy, dopo l’apertura con Patti Smith che ha cantato insieme ai coach, è stato il team Noemi. Le esibizioni di Flavio Capasso, Chiara Furfari, Silvia Capasso e Silvia Caracristi hanno avuto stili e melodie molto diverse, ma tutte hanno entusiasmato ed inorgoglito la coach Noemi. Solo 2 però dei 4 talenti hanno avuto l’onore di accedere al 3° Live: Silvia e Flavio Capasso. Molti li hanno creduti parenti, addirittura fratelli, ma i due ragazzi in comune oltre al cognome hanno solo la passione per la musica. I due finalisti del team Noemi hanno cantato rispettivamente Try di Pink e Seven Nations Army, convincendo pubblico e giuria. Silvia Capasso ha trentuno anni e viene da Anzio dove ha aperto da poco un ristorante. Ma è la musica il suo piatto preferito e non ha smesso mai di cantare. Il successo lo ha già sfiorato quando ad un suo inedito si interessò la Warner per proporlo a Laura Pausini. Poi ha duettato con Ron ed è stata una corista per Pupo. Silvia è autodidatta, anche se si è sempre pentita di non aver studiato seriamente. Un piacevole "fardello" che "The Voice" potrebbe trasformare nell'occasione che inseguiva da tempo. Da quando, a diciannove anni, girava per i locali e si faceva apprezzare per la sua voce forte ed originale.

Flavio ha un sogno nel cassetto che custodisce da quando aveva quindici anni: fare il cantante. Cresciuto a Barra, quartiere "difficile" di Napoli, per evitare le brutte compagnie ha frequentato sin da piccolo la chiesa dove è nata la sua passione per il canto. Tutte le esperienze le ha fatte da solo: musical artigianali, piccoli spettacoli teatrali e serate in locali con jazz band. Flavio ha anche fatto il cantante in una nave da crociera e alternato lavori saltuari alla musica. Quattro anni fa si è trasferito con la famiglia a Nettuno, perdendo gran parte dei suoi riferimenti, ma non ha mai ceduto alla tentazione di mollare la musica. "The Voice" è l'occasione che ha inseguito per tutta la vita e non vuole farsela sfuggire...

Dopo la performance di Silvia tutto il pubblico è in piedi: la sua voce ha scaldato ed emozionato ed anche Fabio Troiano si lascia andare agli apprezzamenti: “Te lo dico alla Piero: c’hai una gran canna! ”. Raffaella Carrà si è detta pentita per non averla scelta: “Ma dov’ ero con la testa quella sera? Ti chiedo perdono, forse Piero mi ha distratta! ”. Ma Pelù ribatte: “E’ la Raffa che mi distrare con i suoi vestitini! Comunque sono molto contento che lei sia arrivata qui e spero vada ancora più in là”. Noemi è riuscita ad accaparrarsi una voce incredibile senza combattere, poiché alle Blind si girò solo la rossa. Flavio Capasso, la scelta del pubblico, ha cantato invece Seven Nations Army dei White Stripes. E’ riuscito a trasformare il “popopo” nazionale, l’inno della vittoria italiana ai Mondiali di calcio del 2006. Cocciante dichiara di aver apprezzato la sua esibizione, mentre Noemi è soddisfatta anche della coreografia: “Molto timido ma quando sale sul palco tira fuori una grandissima energia”.

>>> Leggi su melty.it: The Voice: Live, la diretta streaming

Crediti: Silvia Capasso, The Voice of Italy, Flavio Capasso