The Hateful Eight: Trailer in italiano

The Hateful Eight di Quentin Tarantino
Ecrit par

Il trailer italiano di The Hateful Eight è arrivato, tutto il pulp di Quentin Tarantino condensato nel nuovo, attesissimo, western.

Le immagini sono praticamente tutto nel cinema ma anche la sceneggiatura non scherza, se poi quest’ultima è firmata Quentin Tarantino, il discorso è decisamente più interessate. Le battute, il ritmo da interrogatorio, il tono perennemente ironico, c’è questo e molto altro nel trailer italiano di The Hateful Eight, l’ottavo film del regista di Kill Bill, arrivato oggi online. Ancora un western dopo Django, stavolta però tra le neve e il gelo post-guerra di secessione nel nord America. Nel video Samuel L. Jackson arresta il calesse sul quale viaggiano John “The Hangman” Ruth e Daisy, la prigioniera da consegnare alla forca. Il viaggio si popolerà di otto personaggi assurdi e si ritroveranno tutti nello stesso rifugio senza possibilità di ripartire prima della fine di una terribile tempesta di neve. L’ambientazione (per la larga parte) monotona dovrebbe riportare alla luce il Tarantino teatrale e dirompente de Le Iene, o almeno questo è quello che sperano diversi critici e fan delusi da Django.

The Hateful Eight: Trailer in italiano - photo
The Hateful Eight: Trailer in italiano - photo

Samuel L. Jackson è stata parte attiva del film più degli altri attori svelando, ormai diversi mesi fa, i retroscena sul set con dettagli intensi sulle temperature “È stato faticoso, ma molto appagante. All'inizio abbiamo recitato in mezzo alla neve, poi siamo passati a un ambiente chiuso, una stanza, ma faceva freddo lo stesso e la temperatura era sotto lo zero” e ha aggiunto: “Siamo stati trattati da miserabili. Si poteva vedere il fiato mentre giravamo ma siamo stati bravi. Ogni volta che finivamo una scena ci giravamo per guardarci e sorridevamo. Era un modo per ammettere di esser stati bravi. Non voglio farmi dei complimenti, ma spero che al cinema tutto ciò sia emozionante almeno quanto lo è stato per noi".

Crediti: youtube, web , esquire, Archivio Web