The Flash: Tom Cavanagh spiega perché Grant Gustin doveva avere la parte nel film di Snyder

Grant Gustin è The Flash
Ecrit par

Nel 2018 uscirà il film di The Flash e il protagonista sarà Ezra Miller. Secondo Tom Cavanagh è il nostro Grant Gustin che doveva ottenere la parte. Leggiamo perché!

Zack Snyder ha scelto come protagonista Ezra Miller per il suo film The Flash la cui uscita è prevista per il 2018. La scelta non ha deluso solo i fan della serie televisiva targata The CW ma ha deluso anche Tom Cavanagh che durante un’intervista a Nerdist ha spiegato il motivo per cui Snyder avrebbe dovuto scegliere Grant Gustin come protagonista del suo film. “Il fatto che Zack Snyder abbia detto: ‘Non è esattamente l’universo che stiamo cercano di costruire’ è straziante per un attore”, ha commentato Tom Cavanagh. “Perché è come se dicesse: ‘Vogliamo parlare della recitazione?’. Grant interpreta un ragazzo perbene e vincente. E parliamoci chiaro, non è Barry Allen, ma Grant Gustin. È stato lui a creare tutto. Se volete che il vostro Flash abbia i capelli lunghi o sia un fannullone, credetemi, Grant può farlo. Lo fa sembrare molto facile e riesce a convincere gli spettatori, perché è una persona piena di talento. Per questo ha ottenuto il lavoro, ed è per questo che le persone guardano lo show”.

Leggi anche: John Wesley Shipp ci sarà anche nella terza stagione di The Flash

Leggi anche: Zoom potrebbe tornare anche in The Flash 3

Leggi anche: Rivelata l'identità di Iron Mask

Tom Cavanagh ha anche raccontato cosa ha detto a Grant Gustin dopo che Ezra Miller è stato scelto come protagonista del film: “La cosa difficile dei film è che sono progetti enormi. Tutto quello che noi raccontiamo in anni, loro devono farlo in 2 ore o poco più. Non è facile. Ed è per questo che vedrete molti passi falsi. Quando Miller è stato annunciato, ho detto a Grant: ‘Vuoi davvero solo essere The Flash per sempre? La tua prossima avventura potrebbe essere recitare in un film di guerra diretto da Spielberg‘. E sicuramente accadrà“.

Crediti: Google, YouTube