Terra dei fuochi: "È un dramma umanitario", l’appello dei vescovi

Rifiuti speciali abbandonati per strada e bruciati
Ecrit par

Dopo la lettera del presidente Napolitano a Don Patriciello, intervengono i vescovi della Campania: “è un dramma umanitario” il disastro della Terra dei Fuochi. Non c’è più tempo da perdere.

“Il disastro ambientale che denunciammo circa un anno fa si è trasformato in un vero dramma umanitario, anche per il tasso di patologie tumorali che, secondo alcuni, è più alto che in altre parti d’Italia”. A denunciarlo sono il cardinale Crescenzio Sepe e i vescovi delle diocesi campane, in una lettera-appello circa la tragica situazione della ‘Terra dei Fuochi’, facendosi così interpreti dell’angoscia, delle attese e dei diritti “di quelli che sono più deboli e indifesi, di quelli che non riescono a far sentire la propria voce e il loro pianto”. Il fenomeno dello smaltimento o riciclo dei rifiuti speciali bruciandoli, che per anni è stato ampiamente sottovalutato da tutti, rappresenta un vero e proprio sistema criminale su vasta scala e non confinato nei soli Comuni di Giugliano-Villaricca-Qualiano, come si credeva in precedenza. La popolazione documenta ogni giorno con foto e video, lo scempio di roghi, dei fumi tossici e delle discariche abusive che si consuma sotto i loro occhi, ma nulla ancora di concreto è stato fatto per porvi rimedio.

>>> Leggi su melty.it: Terra dei Fuochi: Anche i manichini hanno il tumore

Terra dei fuochi: "È un dramma umanitario", l’appello dei vescovi - photo
Terra dei fuochi: "È un dramma umanitario", l’appello dei vescovi - photo
Terra dei fuochi: "È un dramma umanitario", l’appello dei vescovi - photo

Prima dei vescovi anche il Presidente Giorgio Napolitano era intervenuto sulla vicenda e in una lettera a Don Maurizio Patriciello, parroco di Caivano, si era detto disponibile a ricevere un aggiornamento sulle valutazioni del sacerdote circa esigenze e istanze della popolazione: “Vorrà credere nel mio costante e personale impegno a sollecitare - a tutti i livelli di governo – gli interventi necessari, compresa la vigilanza sul buon andamento delle misure e degli investimenti da effettuarsi e, non appena sarà possibile disporre di ulteriori risorse, mirate misure compensative del danno subito dalle vittime”. Ad Acerra, Caivano, Giugliano, c'è apprezzamento, ma anche rammarico. Le voci della Terra dei Fuochi, anche dopo il servizio de Le Iene gridano ancora forte. Pina Leanza, madre di Tonia De Sena, morta di tumore al cervello, lo scorso agosto, continua imperterrita a lanciare il suo appello: "Ormai il legame tra rifiuti tossici e tumori è accertato. Non perdete altro tempo".

Terra dei fuochi: "È un dramma umanitario", l’appello dei vescovi
Crediti: VideoMediaset.it, web , http://marioadinolfi.ilcannocchiale.it/, google image, Archivio web