Suor Cristina vs Luna Palumbo nella battle di The Voice 2

Luna Palumbo e Suor Cristina
Ecrit par

Bentornata Suor Cristina! Nella prima serata delle battle di The Voice 2 la ritroveremo con la canzone “Girls just wanna have a fun”. Nella battle la sua avversaria sarà Luna Palumbo. Scopri di più su melty.it

E' passato quasi un mese dalla blind audition di Suor Cristina a The Voice che fece impazzire la stampa mondiale: ad oggi conta ben 45 milioni di visualizzazioni su Youtube. Il pubblico la aspettava, eccolo accontentato: mercoledì 16 aprile la suora che si è meritata anche il plauso di Alicia Keys e Whoopy Goldberg si esibirà sul palco del talent con il team di J-AX. La redazione di melty.it già vi aveva anticipato che la canzone di Suor Cristina per la gara sarebbe stata “Girls just wanna have a fun”. Una scelta che risulterà simpatica, ma che non è stata troppo rischiosa. La vera sorpresa è la concorrente contro la quale si scontrerà Suor Cristina: Luna Palumbo.

Altri articoli su Suor CristinaThe Voice 2: Suor Cristina Scuccia, Il video dell'esibizione alle Blind AuditionSuor Cristina di The Voice 2 conquista i Vip: Da Alicia Keys a Whoopi GoldbergSuor Cristina di The Voice 2: Striscione all'Angelus di Papa Francesco!The Voice 2: Battle e Steal ai nastri di partenza! (Anticipazioni 16 aprile)

Luna Palumbo, che si batterà per restare nel team J-AX, è la ragazza dalla testa riccioluta che aveva scelto di cantare, per la Blind audition, “Albachiara” di Vasco Rossi. Il primo a girarsi, durante l'esibizione, era stato J-AX, che aveva commentato: “Quello che sfonda il muro si fa male, poi tutti gli altri passano” . Alla fine della canzone infatti tutti i giudici avevano premuto il pulsante rosso convinti dalla sua voce, ma Luna in cuor suo aveva già premiato J-Ax. Suor Cristina, invece, aveva stupito e fatto commuovere il rapper, ma in molti hanno pensato, durante queste settimane, che “l’abito ha fatto il monaco” e che lei non sarebbe entrata a The Voice se non fosse stato per la sua veste professionale. A pensarlo anche Alessandro Cattelan, presentatore di “X-Factor” : "Suor Cristina non canta bene, però è un personaggio fantastico".

Suor Cristina vs Luna Palumbo nella battle di The Voice 2
Suor Cristina vs Luna Palumbo nella battle di The Voice 2

Luna Palumbo e Suor Cristina sembrano due personalità lontane sia vocalmente, sia caratterialmente. Se Luna ha iniziato la sua "Albachiara" quasi con un sussurro, scatenando poi la potenza vocale, Suor Cristina ha immediatamente dato prova della sua energia cantando "No one" di Alicia Keys. Alla fine delle blind poi, Suor Cristina si è dimostrata spavalda nei confronti dei giudici: "Ho un dono, ve lo dono! ", ha detto sulla esibizione a The Voice 2. Per scegliere il giudice, poi, è stata lei a spronare i coach a parlare: "E' difficile scegliere il team, io voglio sentire voi". Luna è stata più timida e posata, si è commossa e ha semplicemente detto che voleva sperimentare se stessa, scegliendo il team J-Ax. Stasera Suor Cristina si scontrerà con una voce potente: lo stupore per l'abito è passato, per vincere la battle dovrà mettercela tutta.

Suor Cristina vs Luna Palumbo nella battle di The Voice 2
Suor Cristina vs Luna Palumbo nella battle di The Voice 2
L'esibizione di Suor Cristina a The Voice
Suor Cristina vs Luna Palumbo nella battle di The Voice 2
Crediti: rai.tv, Archivi web, Facebook Luna Palumbo, Twitter, web , The Voice Sito, rai


2 commenti
  • Signaler
    Sono abbastanza d'accordo ma bisogna dare atto a The Voice che un programma e un personaggio da talent italiano non ha mai avuto tanta risonanza a livello mondiale. Quindi capisco la scelta di prendere Suor Cristina e tenersela il più a lungo possibile.
  • Signaler
    Suor Cristina ha vinto per l'abito per indossa, non certo per la sua voce (banale) o l'abilità canora (mediocre). E' un po' come quando nei concorsi vince il ragazzo diversamente colorato di mediocri capacità: non vince certo perché è bravo ma perché fa tanto caso umano e vuoi premiare il suo "lodevole impegno". Insomma, è sempre la solita meritocrazia all'italiana che quanto non ha come parametro il leccaculismo, ha il senrimentalismo spicciolo.