Squadra Antimafia 7x07: Streaming, riassunto e anticipazioni 8^ puntata

Squadra Antimafia 7
Ecrit par

La settima puntata di Squadra Antimafia 7 va in onda mercoledì 21 ottobre su Canale 5, a partire dalle 21.30. Segui la puntata su melty in diretta live!

Puntata dopo puntata, la fiction Squadra Antimafia 7 si sta facendo sempre più appassionante, ricca di colpi di scena e momenti di grande suspense. Non si può tirare un sospiro di sollievo, che improvvisamente la situazione si ribalta, e magari un personaggio storico esce definitivamente di scena (sono già morte Lara Colombo e sua sorella Veronica, mentre Rosy Abate è scomparsa dal convento in cui viveva). Anche la settima puntata di Squadra Antimafia 7 si preannuncia ricca di colpi di scena: Anna Cantalupo ha sequestrato il vicequestore Tempofosco (diventato nel frattempo suo compagno) e sembra disposta a tutto pur di vendicare suo marito, mettendo persino a rischio la vita di Davide. Cosa accadrà nel settimo episodio dell’avvincente serie tv di canale 5? Scoprilo leggendo la diretta streaming di melty! La puntata sarà disponibile in formato replica streaming gratis sul sito Video Mediaset.

Saverio Torrisi e De Silva si accordano sui loro traffici loschi. De Silva mette in guardia Saverio: “Grazie a me i Corvo controllano mezza Catania, e alla lupara preferisco il kalashnikov”. Il criminale, socio del broker ormai morto, fa un riferimento ad Anna Cantalupo: “Devo chiudere un affare. Ci sono delle zanzare che a volte pensano di essere delle tigri. Ma sono pur sempre zanzare”. Calcaterra pensa sempre più spesso e intensamente a Rosy, e rievoca un rapporto sessuale avuto con lei in passato. Oltretutto si accorge di aver sfasciato uno specchio nella sua stanza, ma di non ricordare di averlo fatto. Alla Duomo Tempofosco non si presenta e Anna finge di non sapere nulla di lui. Tuttavia, gli altri membri della squadra si accorgono che Anna è molto strana: come mai non reagisce al fatto che sono state negate le intercettazioni a Torrisi? A tutti sembra anomalo il suo eccessivo autocontrollo. Intanto il traffico di droga a Catania, che fino a quel momento era nelle mani di Gaspare Corvo, adesso passa a Saro e Rachele Ragno.

A causa dell’esplosione della droga shake and bake venduta dai Corvo, un ragazzo muore carbonizzato. La Duomo approfitta della testimonianza dell’amico del tossico per scoprire dove si trova il laboratorio della droga in cui i Corvo la sintetizzano. Ma intanto Saro Ragno fa smantellare tutto, perché teme che la polizia risalga immediatamente a lui: “Io in galera non ci torno”, sbraita. La Duomo arriva proprio mentre i Corvo stanno caricando sui furgoni i loro attrezzi per sintetizzare la droga: scoppia un conflitto a fuoco. Saro e i suoi scappano, ma un Corvo è rimasto all’interno dello stabile e fa saltare tutto in aria mentre Orso è dentro. L’uomo si salva per miracolo. Viene ritrovato il cadavere del prete-mafioso ucciso la sera prima da Domenico Calcaterra. Sandro si confronta con l’ex vicequestore a proposito dell’uccisione del prete, e proprio lui ipotizza che l’assassino sia un uomo che agisce da solo, senza sapere di averlo fatto fuori in un momento di confusione. Davide intanto è incatenato nello sgabuzzino di Anna Cantalupo: la donna lo narcotizza baciandolo, dopo che lui l’ha pregata di liberarlo.

La Duomo si insospettisce circa la misteriosa scomparsa di Tempofosco: il vicequestore sembra essersi volatilizzato nel nulla. Oltretutto l’atteggiamento strano di Anna Cantalupo insospettisce i suoi colleghi. Calcaterra, Pietrangeli e Sciuto si introducono nell’abitazione di Anna, per scoprire se la donna ha qualcosa a che fare con la scomparsa di Davide: trovano la trottola che il vicequestore ha sempre con sé e deducono che i due hanno una relazione e che la Cantalupo non sta dicendo tutto su di lui. La donna, nel frattempo, sta facendo di tutto per depistare i colleghi, che ritrovano il cellulare di Tempofosco. La Duomo, però, capisce subito che si tratta di un depistaggio. A casa di Anna ha luogo un cortocircuito, che genera un incendio proprio nella cantina in cui è incatenato Tempofosco: i colleghi lo trovano appena in tempo e lo salvano. L’esperta di informatica è intenta a costruire una bomba e sembra invasata. Mentre armeggia con i cavi, vede il fantasma di suo marito, che le chiede: “Vuoi proprio raggiungermi, eh? Lo sai che dovrai morire per farlo?”. Lei è pronta a tutto e dà appuntamento a Saverio Torrisi. “Le indagini e la sete di giustizia per Anna si sono trasformate in un’altra cosa. È convinta che non ci sia una via legale per acciuffare Torrisi, e vuole ucciderlo”, dice Tempofosco alla squadra. Dopo aver ammesso di avere una relazione con la donna, Davide aggiunge: “Ho portato Anna in squadra, perché sono convinto che sia fondamentale per catturare Torrisi. Se lei andasse in galera adesso, lui sarebbe invincibile. Vi chiedo, pertanto, di aiutarmi a trovarla senza denunciare quello che ha fatto al questore”. La Duomo accetta e si attiva per ricostruire tutti i suoi movimenti dal mattino. Frattanto Anna Cantalupo fissa la bomba da lei realizzata nell’antica casa nobiliare dei suoceri di Torrisi, depistando tuttavia la Duomo, che è convinta che Anna ucciderà Torrisi a Villa Serena, la sua residenza catanese. Come lei ha progettato, Tempofosco e Pietrangeli sono appostati a villa Serena e avvisa telefonicamente Torrisi della situazione. L’uomo, allora, le dà appuntamento alla casa dei suoceri, proprio dove lei ha fissato la bomba.

Vito Sciuto è ormai sicuro: Carmela l’ha ingannato, fingendo il suo sequestro per salvare suo figlio Saro. Vito decide di affrontarla e si reca a casa, ma trova la compagna che fa le valigie per scappare col figlio Saro, che gli punta la pistola contro. La donna lo prega di non ammazzarlo, ma gli dice che adesso il poliziotto non conta più nulla per lei. Il figlio lo colpisce col calcio della pistola e lo stende, poi Carmela fugge con lui. Mentre Davide e Sandro sorvegliano Saverio Torrisi, arriva un elicottero che preleva l’uomo per portarlo all’antica residenza nobiliare, dove si trovano anche Rachele Ragno e De Silva. Attraverso una serie di ricerche, la squadra deduce che Anna e Saverio si incontreranno alla residenza dei suoceri, perché lì c’è una pista d’atterraggio per elicotteri. Anna Cantalupo fa per premere il pulsante del telecomando mentre sono tutti riuniti intorno al tavolo, ma la bomba non scoppia: i mafiosi l’avevano già individuata e disinnescata. Il gioco della poliziotta è stato scoperto e la donna è ormai nelle loro mani. Rachele promette: “Nessuno troverà il suo corpo”.

La Duomo arriva troppo tardi, ma appena in tempo perché l’auto su cui giace il corpo di Anna Cantalupo non parta. Tempofosco e gli altri non sanno, però, che Anna si trova nel bagagliaio dell’auto e, dopo aver ucciso gli uomini, perlustra la villa. Anna riesce a uscire dal bagagliaio, ma un suo aguzzino la ferisce a una gamba. La donna scappa via attraverso i campi. Nel frattempo Sandro individua una bomba e riesce ad avvisare Vito e a uscire dall’abitazione prima che scoppi. Torrisi viene avvisato della fuga della Cantalupo, ma De Silva lo rassicura: “è ferita, impaurita, sola: la troveremo presto”. Anna s rifugia nel bagno di un bar, dove la trova una signora, che, trovandola in misere condizioni, le offre aiuto. Anna la scaccia brutalmente e poi si allontana dal bagno. Si accorge che quella donna sta raccontando di lei a tutti nel bar e cerca di andar via senza dare nell’occhio, ma senza riuscirci. La squadra antimafia si attiva per ritrovare Anna e nascondere almeno in parte il suo comportamento ai questori.

ANTICIPAZIONI OTTAVA PUNTATA – Nel prossimo episodio De Silva avrà un ruolo centrale: a lui spetterà il compito di cercare Anna Cantalupo e di ucciderla per conto di Saverio Torrisi. La donna è in grosse difficoltà, anche perché ha una ferita alla gamba che le impedisce di deambulare normalmente. La Duomo si accorgerà forse troppo tardi di stare facendo esattamente il gioco di De Silva. Anna Cantalupo morirà in uno scontro a fuoco? Intanto Domenico Calcaterra scopre che la giudice Ada Ferretti, complice di De Silva, soggiorna in Marocco e deciderà di raggiungerla per riportarla in Italia. Grandi colpi di scena aspettano i telespettatori di canale cinque nell’ottava puntata di Squadra Antimafia 7, in onda mercoledì 28 ottobre!

Crediti: Mediaset / Canale 5