Sorci Verdi: J-Ax gioca a fare lo show man del secolo scorso! (Recensione)

Sorci verdi | J-Ax e Maria De Filippi
Ecrit par

Ecco perché "Sorci Verdi" (il nuovo show di seconda serata condotto da J-Ax) puzza già di stantio. Leggi la recensione su melty.it.

È andata in onda ieri sera la prima puntata di "Sorci Verdi": un nuovo late night show di RaiDue condotto dal rapper J-Ax. Un programma presentato più e più volte come assai sovversivo, scomodo per la società e persino per la rete che lo ospitava. In realtà si è rivelato un programma che di nuovo ha ben poco e che di graffiante ha solo il tono della voce del conduttore. E forse anche quello della sua prima ospite. Andiamo insieme ad analizzare la messa in onda della prima puntata.

L'Introduzione FAIL

J-Ax irrompe in studio introducendo lo show mettendo in fila una serie di battutine e battutacce visibilmente studiate a tavolo. Per come le enuncia il rapper, sembra quasi che gliele abbia scritte qualcun'altro e le sta leggendo a pappardella: come una poesia in quarta elementare. Lo Zio se la prende un po' con chi gli pare... persino con The Voice of Italy: il programma che lo ha riportato in tv dopo anni di oblio generale tranne per qualche piccola apparizioni al fianco dell'amico Fedez. Si passa poi alla presentazione dei tre pupazzoni - stile Floradora - che animano lo studio e di altri tre pupazzoni che sono in collegamento in un non-ben-precisato luogo dove si divertono a sparlare della tv e del programma stesso. I tre sorci fanno uscite così banali e scontate tanto da esser riusciti a riciclare persino le frecciatine a Forte Forte Forte (talent della Carrà conclusosi oramai a marzo 2015).

Sorci Verdi: J-Ax gioca a fare lo show man del secolo scorso! (Recensione)
J-AX COPIA INCOLLA da YOUTUBE

Una buona parte di trasmissione (più della metà) è stata riempita da una serie di video-contributi pre-registrati. Delle clip comiche alla YouTube. Anzi... copiate da YouTube! Facendo una rapida carrellata, abbiamo visto: i falsi telegiornali e gli sponsor fake che Maccio Capatonda pubblicata su YouTube ed in tv nel 2010 (e prima di lui già se n'erano viste di ogni); le Epic Rap Battle, format ideato dagli youtuber americani ERB, da cui sono nate anche numerose versioni italiane; le parodie delle serie tv di successo, citofonare Terzo Segreto di Satira, i The Jackal o il duo Nuzzo e Di Biase (ma l'elenco sarebbero lungo).

L'Intervista NON scomoda a Maria De Filippi

Se la prima puntata ha catalizzato l'attenzione del pubblico (ma siamo ancora in attesa dei dati Auditel) tutto è dovuto alla regina del trash Mediaset corsa a fare visita all'amico J-Ax, senza liberatoria: parliamo di Maria De Filippi. Il conduttore di "Sorci Verdi" aveva promesso dichiarazioni scottanti che tutti i giornali avrebbero riportato questa mattina. E quali sono state queste scomodissime domande? L'ennesima banalità finta trasgressiva: sei favorevole alle droghe leggere? sei favorevole alle unioni omosessuali? Robe che persino Le Iene hanno cancellato dalle loro interviste doppie già da alcuni anni a questa parte...

La Lista delle 5 cose

Persino una cosa facile come una lista divertente (di quelle che trovi persino sui blog più scadenti) è stata ammazzata rendendola poco divertente. La prima lista proposta da "Sorci Verdi" è stata quella delle 5 cose più assurde vendute online: un qualsiasi autore avrebbe optato per scelte stravaganti, assurde, impensabili, umilianti... e invece no. "Sorci Verdi" ha puntato su peni e chiappe di animali, una crema spalmabile per capezzoli ed una protesi in silicone. Ci sfugge l'ironia della cosa.

Il confezionamento

Oltre al aver dato del "chitarrista" ad un bassista, J-Ax ha portato su Rai Due un vero e proprio crimine: il crimine del montaggio pessimo. Visto che "Sorci Verdi" non è un programma in diretta, ci si aspettava quantomeno che l'editing della puntata fosse stato fatto su misura per il pubblico a cui ci si vuole rivolgere: un montaggio coinvolgente, spontaneo e/o senza risate finte alla George Jefferson. La puntata, invece, in più punti si è dimostrata scollata e con applausi in studio apertamente pilotati. E se questo è il nuovo che avanza...

Crediti: Facebook