Silvio Berlusconi a Libero: Se condannato, vado in galera

Silvio Berlusconi
Ecrit par

Un Berlusconi impavido alla vigilia della sentenza definitiva per il Processo Mediaset. Il Cavaliere potrebbe vedersi confermata la condanna a 4 anni, ma l’eventualità non lo spaventa: “Non farò come Craxi: andrò in galera”.

“Se mi condannano, vado in cella”. Silvio Berlusconi mette le mani avanti, alla vigilia della sentenza della Corte di Cassazione del 30 luglio sul Processo Mediaset. Il Cavaliere rischia grosso: la conferma della condanna a 4 anni di reclusione (di cui tre coperti da indulto) e 5 di interdizione dai pubblici uffici, pronunciata dalla Corte d'Appello. In un colloquio con il direttore di Libero Maurizio Belpietro, Berlusconi non si nasconde: “Sono convinto che la Suprema Corte mi assolverà”, dice l’ex premier, “In ogni caso, non farò l’esule come Bettino Craxi. Se la Cassazione confermerà la pena, andrò in cella. Anche se, avendo 78 anni, avrei diritto ai domiciliari”. Questo è uno dei tre scenari possibili di martedì prossimo, insieme ad un annullamento tout court della precedente condanna o un annullamento parziale con rinvio.

Silvio Berlusconi a Libero: Se condannato, vado in galera - photo
Silvio Berlusconi a Libero: Se condannato, vado in galera - photo

Il 30 luglio rappresenta dunque una giornata decisiva per la politica e soprattutto per il Governo Letta. Le larghe intese potrebbero ritrovarsi in bilico in caso di un verdetto di terzo grado sfavorevole al leader del Popolo della Libertà, sebbene quest’ultimo abbia sempre tracciato (a parole) una linea di demarcazione tra vicende giudiziarie e tenuta dell’esecutivo. Le rassicurazioni di Berlusconi, trasmesse anche al Presidente Giorgio Napolitano, stridono però con le dichiarazioni belluine dei "falchi" del partito come Daniela Santanchè. Gli avvocati del patron Fininvest sono già al lavoro per richiedere un rinvio della sentenza, la quale, tuttavia, dovrà essere resa pubblica entro il 15 settembre: nel frattempo, è probabile un colpo di coda di Silvio. La "rinascita" di Forza Italia 2.0 potrebbe esser stato il primo segnale di riscossa.

Crediti: Google, Archivi web