Juventus-Napoli: Statistiche, curiosità e dati 25^ Serie A 2015/2016

Un momento di Napoli-Juventus
Ecrit par

Le statistiche di Juventus-Napoli della 25a di Serie A 2015-2016. Il migliro attacco contro la miglior difesa, tutto sullo sfida scudetto del 13 febbraio 2016.

Juventus-Napoli non è solo una sfida tra le prime due della classe ma un concentrato di forza, tecnica e classe che solo i numeri possono esprimere a dovere. Prima di sciorinare tutti i numeri c'è da evidenziare un punto fondamentale. I bianconeri nella gara d'andata persero 2-1. Da regolamento del nostro campionato ricordiamo che non c'è lo spareggio ma che valgono gli scontri diretti. Perciò alla Juve conviene portare a casa una vittoria e ancor meglio con una differenza reti a favore dei bianconeri. Detta questa premessa, passiamo alle statistiche di Juventus-Napoli. In questa stagione le due hanno incasellato la più lunga vittoria dei rispettivi club: 14 vittorie per la Juventus e 7 per il Napoli. Allegri ha superato il record di Conte nella sua ultima stagione a Torino (12 vittorie consecutive), Sarri quello addirittura del Napoli di Maradona della stagione 87'/88'. JUVENTUS. Dopo aver iniziato la stagione con soli quattro punti in sei partite, i bianconeri hanno iniziato a risalire la china e sono arrivati allo scontro diretto con il Napoli a sole due punti di distanza. Dopo dieci giornate erano ben 10 i punti di distacco con gli azzurri.

>>> Leggi su melty <<< Serie A, Frosinone-Juventus 0-2: Highlights, gol e sintesi

>>> Leggi su melty <<< Napoli-Carpi 3-1: Voti Gazzetta Fantacalcio

Il cammino vincente con 14 vittorie consecutive però non dice tutto. E' la difesa il reparto da cui è nata la rimonta. Nelle ultime sette giornate Buffon è stato battuto una sola volta e nelle ultime cinque giornate è rimasto imbattuto; sempre nelle ultime sette partite l'attacco è andato a segno 17 volte, quasi 3 gol di media a partita. La difesa con i suoi 15 gol subiti è la miglior della serie A e l'attacco è secondo solo al Napoli con i suoi 45 gol. Il bomber della Signora è Paulo Dybala: 13 gol, tutti realizzati di sinistro. La Juve è la squadra a concludere di più nella porta avversaria: 330 tiri totali ed è la squadra con una buona distribuzione delle reti: 36 dagli attaccanti, 10 dai centrocampisti e 4 dai difensori. I bianconeri vantano anche il miglior possesso palla casalingo: 62,5%. NAPOLI. Le sette vittorie consecutive e il nuovo record per il club è solo uno dei tanti piccoli traguardi che il Napoli allenato da Maurizio Sarri ha messo a segno in questa stagione. La marcia che ha portato il Napoli a essere la prima in A è partita quando il tecnico ha cambiato il modulo. In realtà molto lo si deve al lavoro di Sarri in difesa, il reparto più in difficoltà nelle due stagioni di Benitez.

Droni, elastici tra i giocatori e movimenti ripetuti in allenamento hanno trasformato Albiol, Koulibaly, Ghoulam e Hysaj nella seconda difesa meno battuta della serie A con 19 reti. Il primato però va ascritto al lavoro in attacco del trio Insigne-Higuain-Callejon. Il Pipita guida la classifica marcatori con i suoi 24 gol in 24 partite. In tutto il Napoli ne ha messi a segno 53, il migliore attacco dela serie A. La distribuzione dei gol è nettamente a favore degli attaccanti: 42 siglati dal reaprto offensivo, 8 dai centrocampisti, solo uno dalla difesa. Da quando la serie A è a girone unico, stagione 1929-1930, la serie A per 24 volte è stata conquistata dalla squadra con il miglior attacco, per 23 volte da quella con la miglior difesa a fine campionato. Gli azzurri a Torino dovranno imporre il loro gioco. In serie A Higuain e compagni hanno il miglior possesso palla in trasferta, il 57,7%. La top 15 dei tiri in porta vede Higuain in testa (55), seguito da Dybala (35), poi da Insigne (30) e Pogba (29). Una curiosità molto scaramantica per i tifosi partenopei. Quando gli azzurri non hanno perso a Torino hanno vinto lo scudetto alla fine. E' successo nell'86'-87 (vittoria) e nella stagione 89'-90' (pareggio).

Crediti: Instagram/paulpogba, web , repubblica.it, LocoGoals