Serie A 2015-2016, Juventus-Inter 2-0: Highlights, gol e sintesi 

Leonaardo Bonucci abbracciato dai compagni dopo il gol
Ecrit par

Gli highlights di Juventus-Inter 2-0 2016. I gol di Bonucci e Morata permettono alla Signora di rimanere in testa alla serie A. Buffon 8 partite senza subire gol.

La Juventus dà un grande segnale al Napoli battendo l'Inter 2-0 nel posticipo della 27a giornata. A consegnare la vittoria le reti di Bonucci e Morata. La Juve così può mettere a pressione al Napoli, impegnato nel posticipo del lunedì sera sul difficile campo del Franchi con la Fiorentina. La Signora legittima la vittoria dominando il campo per buona parte della gara e lo fa nonostante l'infortunio di Chiellini. Per lui si teme una ricaduta e un recupero difficile per la partita con il Bayern tra due settimane. I bianconeri con la vittoria sull'Inter dimostrano di poter segnare anche con i difensori. Per la Juve però la partita con la l'Inter è anche l'ottava partita senza prendere gol. Gigi Buffon anche grazie a una super parata du Icardi nel finale sale a quota 745 minuti, a due sole gare dal record di Sebastiano Rossi di 919 minuti d'imbattibilità della stagione 93'-94'. Allegri invece in caso di partita senza reti subite a Bergamo eguaglierà il record della Juve (stagione 72'-73'). Col Sassuolo cinvece potrà arrivare il doppio record di Buffon e della Juve.

Juventus 2 - 0 Inter - Highlights - 28-02-2016 por Video-Sports

Nella Juve bene il neo entrato Alvaro Morata, bravo a procurarsi il rigore e a trasformarlo davanti al pararigori più temibile della serie A come Handanovic. Per quanto riguarda l'Inter invece la sconfitta di Torino è il terzo passo falso in questo girone di ritorno e in trasferta non ha mai vinto (tre sconfitte e due pareggi). La squadra allenata da Mancini è mancata soprattutto in attacco. Icardi troppo solo e non supportato bene da Palacio. Mancini ha cercato di imbrigliare il centrocampo bianconero oppnendone uno a cinque, con tre mastini come Kondogbia, Medel e Felipe Melo. In termini di qualità la manovra ne ha risentito, anche per la mancanza di Brozovic, l'unico giocatore in grade di guidare la manovra nerazzurra. Male anche la difesa. Grave l'errore di D'Ambrosio sul gol di Bonucci a inizio ripresa e a più riprese sia Murillo (Mandzukic) e che Miranda (fallo da rigore) non hanno retto la potenza di fuoco dell'attacco bianconero.

Crediti: lapresse, web