Schettino: La mezza verità della Lectio Magistralis a La Sapienza

Francesco Schettino circondato dai Carabinieri
Ecrit par

Nelle ultime ore del 6 agosto l'opinione pubblica si è scagliata contro una presunta "Lectio Magistralis" del capitano Francesco Schettino sulla “gestione del rischio”. La notizia è stata riportata nelle maggiori testate italiane, ma la cosa è andata diversamente.

Francesco Schettino è un personaggio che, a distanza di anni dal disastro del quale è responsabile, riesce sempre a far parlare di sé. La notizia diffusa nelle ultime ore è che Schettino, dopo le voci di una possibile partecipazione all'isola dei famosi 10,sarebbe addirittura stato invitato dall’Università La Sapienza di Roma per una Lectio Magistralis sulla “gestione del rischio” a conclusione di un master di criminologia (“dalla scena del crimine al Profiling”) presso la facoltà di Medicina nella mattinata del 5 Luglio. La notizia ha fatto il giro del web, ed è stata accolta con la massima indignazione da parte degli internauti, già sorpresi da interventi quali quello di Checco Zalone in Università Cattolica. Nel caso di Francesco Schettino alla Sapienza si trattava di una "mezza bufala", verificata quando era ormai troppo tardi.

Schettino: La mezza verità della Lectio Magistralis a La Sapienza - photo
Schettino: La mezza verità della Lectio Magistralis a La Sapienza - photo

Più che una bufala infatti, si tratta di una mezza verità, o almeno questo è quello che emerge cercando chiarezza: secondo quanto riporta La Nazione, quello di Schettino sarebbe stato un intervento di quindici minuti in cui, accompagnato dai suoi legali, avrebbe dato ai suoi studenti la sua versione del terribile incidente della Costa Concordia in cui 32 persone persero la vita. Al termine dell’intervento inoltre, i professori non avrebbero permesso l’inevitabile sciame di domande indirizzate al capitano. Dal suo account Twitter, il rettore dell’Università Luigi Frati, prende una posizione netta: “La partecipazione di Schettino è un'iniziativa autonoma e indegna presa da un docente (Vincenzo Mastronardi, presidente del dipartimento di Psicopatologia Forense, ndr). La libertà accademica non può essere irresponsabilità, prendiamo le distanze da quello che è avvenuto" .

La Costa Concordia
La Costa Concordia

Resta l'indignazione per il fatto che Schettino sia entrato in un'università italiana – anche se non da professore e non in una sede ufficiale (il Circolo dell’Aeronautica, a due passi dalla sede de La Sapienza). Non si può non definire l'evento scandaloso per i destini di un ateneo rinomato, perché si tratta di un uomo che ha molte vittime sulla coscienza. Su Twitter c’è chi, ironicamente, si attende come prossima mossa Annamaria Franzoni ospite a qualche facoltà di Scienze dell’Educazione Primaria, o Totò Riina intento a parlare di gestione dei mercati finanziari. Dopo questa singolare iniziativa “formativa”, la domanda è lecita: chi dobbiamo ancora aspettarci dietro (o anche solo vicino) ad una cattedra?

Crediti: web , Kikapress, Visual Press Agency