Schettino a La Sapienza: l'ateneo prende le distanze con un mese di ritardo

Francesco Schettino
Ecrit par

E' online il comunicato ufficiale con cui l'università La Sapienza prende le distanze dall'invito ricevuto da Francesco Schettino per intervenire in un master di criminologia. In arrivo provvedimenti disciplinari contro il professor Mastronardi.

La risposta arriva pronta, ma la situazione resta assurda: il rettore dell’ Università La Sapienza, a più di un mese di distanza dai fatti, sembra aver finalmente preso conoscenza delle attività discutibili di uno dei suoi dipartimenti. Dopo la mezza verità sulla lectio magistralis di Francesco Schettino tenutasi il 5 luglio a chiusura di un master di criminologia de La Sapienza, è stato pubblicato un comunicato nel quale l’ateneo condanna l'accaduto: “La Sapienza è indignata per il fatto e prende le distanze dall’iniziativa del direttore del master prof. Mastronardi”. Nel comunicato, pubblicato il 6 Agosto sul sito internet de La Sapienza e inviato via mail a tutti gli studenti iscritti, si fa riferimento alla tristemente nota telefonata tra il capitano De Falco e Schettino, come “elemento deviante rispetto alle finalità di un qualsiasi evento accademico”.

Altri articoli su Francesco SchettinoDonato Inglese su Schettino: Il video demenziale da Youtube!Schettino all'Isola dei Famosi 10?Schettino: La mezza verità della Lectio Magistralis a La Sapienza

Schettino a La Sapienza: l'ateneo prende le distanze con un mese di ritardo

La Sapienza, avendo avuto “riscontro al programma ora acquisito, di Sabato 5 Luglio 2014, Circolo Aeronautica, Casa dell’Aviatore, ... ore 11.00-12.30 – Ricostruzione dell’evento critico della Costa Concordia con l’aiuto della grafica in 3d ... commenterà il COMANDANTE FRANCESCO SCHETTINO” intende condannare l’episodio e “deferisce immediatamente il prof. Mastronardi al Comitato Etico, perché ne valuti i profili, anche ai fini disciplinari”.

Schettino a La Sapienza: l'ateneo prende le distanze con un mese di ritardo

La presa di distanze ufficiale è stata quindi resa nota e l’università non si riconosce nell’evento che è stato organizzato: sono in arrivo provvedimenti contro il prof Mastronardi, sulla base di quella “libertà accademica di cui godono i docenti che, per dettato costituzionale, impone anche di essere responsabili”. Non si capisce però perché l'università abbia ignorato così a lungo le attività di Mastronardi e del suo dipartimento, senza quindi porre veti per scongiurare situazioni spiacevoli di questo tipo.

Crediti: sito ufficiale La Sapienza, web , Kikapress, Visual Press Agency