Sanremo 2014: Pagelle 3^ serata, bene Perturbazione, Raphael Gualazzi e The Bloody Beetroots

Perturbazione
Ecrit par

Per la prima volta tutti e 14 gli artisti in gara si sono esibiti con il brano che ha passato il turno: i migliori si confermano Noemi, Perturbazione, Raphael Gualazzi e The Bloody Beetroots.

Durante la terza serata del Festival di Sanremo 2014, i quattordici artisti in gara nella categoria Campioni si sono esibiti con il brano che ha passato il turno nelle precedenti serate. Di seguito le pagelle, mentre nella classifica provvisoria di Sanremo 2014 trionfano Franceso Renga e Arisa.

Altri articoli su Sanremo 2014Sanremo 2014: Raphael Gualazzi e The Bloody Beetroots, il video della terza serataSanremo 2014: Noemi con "Bagnati dal sole", terza serataSanremo 2014: Tutti i look della terza serata del FestivalSanremo 2014: Da Rocco Hunt a The Niro, le pagelle delle nuove proposte

Renzo Rubino "Ora", voto 7: sembrava su di giri, è apparso leggermente forzato nell'esibizione ma si conferma comunque un buon talento. Giusy Ferreri "Ti porto a cena con me", voto 6.5: meglio della prima serata, canta un brano radiofonico ma non convince del tutto. Frankie Hi NRG "Pedala", voto 6.5: un brano a cavallo tra rap e pop che a tratti sembra svanire del tutto. Raphael Gualazzi e The Bloody Beetroots "Liberi o no", voto 8: brano che si distacca dal clichè sanremese, esibizione dinamica, tra i migliori della serata. Cristano De Andrè "Il cielo è vuoto", voto 6: problemi con le note basse, l'introduzione è quasi parlata. Un'esibizione e un brano che acquista valore nei crescendo. Francesco Sarcina "Nel tuo sorriso", voto 6: ha raggiunto la sufficienza rispetto alla prima puntata, ma non riesce a esprimere la forza del rock che resta sopita nel brano. Perturbazione "L'unica", voto 7.5: abbandonati gli smoking della prima puntata, si sono lasciati trasportare dalla loro musica. L'inquadratura sul theremin ha fatto felici tanti musicisti: brano frizzante e ritmato.

Sanremo 2014: Pagelle 3^ serata, bene Perturbazione, Raphael Gualazzi e The Bloody Beetroots

Francesco Renga "Vivendo adesso", voto 6.5: brano radiofonico, di tipico stampo sanremese, senza infamia e senza lode. Riccardo Senigallia "Prima di andare via", voto 6: un fiume di chitarre acustiche e parole in rima. Prova sufficiente ma il ricordo dei Tiromancino è troppo vivo. Noemi "Bagnati dal sole", voto 8: una delle migliori, l'unica solista che tenta di convolgere il pubblico. Talentuosa e spontanea. Antonella Ruggiero "Da lontano", voto 5/6: niente di nuovo rispetto a quanto detto nella prima serata, classico brano alla Ruggiero. Arisa "Controvento", voto 7: meglio della prima serata, una decisa evoluzione nella sua carriera, si è lasciata "Sincerità" definitavamente alle spalle. Ron "Sing in the rain", voto 6: folk e fischiettii, la sicurezza dell'esperienza. Giuliano Palma "Così lontano", voto 7: fiati importanti per un brano ben costruito e interpretato.

Crediti: melty.it, Youtube