Sanremo 2013: Antonio Maggio vince tra i giovani, i duetti della serata

Pippo Baudo
Ecrit par

La "Sanremo Story" è stata dedicata alle canzoni che hanno fatto la storia del Festival. Il televoto è stato sospeso per i big, mentre Antonio Maggio con "Mi servirebbe sapere" ha vinto Sanremo giovani.

La serata amarcord di Sanremo è iniziata con delle immagini dell' Istituto Luce sulle prime edizioni del Festival. L’omaggio alle canzoni che hanno fatto la storia della kermesse canora e che verrano eseguite dai 14 campioni in gara, solo alcuni in coppia, non poteva prendere avvio in altro modo. La prima artista ad esibirsi è Malika Ayane con il brano “Cosa hai messo nel caffè”. Niente Paolo Vecchione e Thomas Signorelli. Al loro posto c'erano due ballerini. La coreografia è stata un po’ stentata, i tacchi, d’altronde, erano vertiginosi, ma anche l’impaccio è stato delizioso e la voce, come l’esibizione, è risultata simpatica. Daniele Silvestri è arrivato con la coppola ed un look ‘stropicciato’ per cantare “Piazza grande” di Lucio Dalla “che per me è stato uno zio” ha confessato emozionato Silvestri. “Uso a fatica il passato. Lucio ci manca tantissimo”. Annalisa Scarrone con Emma Marrone hanno cantato “Per Elisa” liberando un’energia travolgente. Emma ruggisce e fa quasi apparire ‘sotto tono’ la collega. I Marta sui Tubi sono stati accompagnati da Antonella Ruggiero e hanno cantato “Nessuno”. La Ruggiero è strepitosa e fa sembrare un karaoke tutto ciò che è stato cantato prima.

>>> Leggi su melty.it Sanremo 2013: La classifica provvisoria

Sanremo 2013: Antonio Maggio vince tra i giovani, i duetti della serata - photo
Sanremo 2013: Antonio Maggio vince tra i giovani, i duetti della serata - photo

>>> Guarda su melty.it Sanremo 2013: il video della canzone mononota

La serata vintage è continuata con Raphael Gualazzi che ha interpretato “Luce (tramonti a nord est)" di Elisa, vincitrice del Festival nel 2001, trasformandola in uno standard jazz. Lui è bravissimo al piano, ma la canzone risulta stravolta. I Modà con Adriano Pennino hanno presentato la canzone “Io che non vivo” del 1965, interpretandola con la loro cifra caratteristica, fatta di gorgheggi e facce contratte. Meglio l’originale. Simone Cristicchi ha scelto di portare sul palco “Canzone per te” di Sergio Endrigo, un brano senza tempo che ha ricordato con passione ed emozione. Simona Molinari con Peter Cincotti e Franco Cerri hanno scelto invece “Tua”, una canzone che fece scandalo poiché cantata in maniera troppo sensuale secondo la critica dell’epoca. Cerri ha suonato divinamente e il pubblico dell’Ariston ha apprezzato. Maria Nazionale con il maestro Mauro di Domenico ha fatto rivivere “Perdere l’amore” di Massimo Ranieri, più che una canzone, un cult, una leggenda che vinse l’edizione del Festival nel 1988. Maria Nazionale ha cantato con trasporto anche se l’atmosfera era un po’ da piano bar per matrimoni.

Sanremo 2013: Antonio Maggio vince tra i giovani, i duetti della serata - photo
Sanremo 2013: Antonio Maggio vince tra i giovani, i duetti della serata - photo
Sanremo 2013: Antonio Maggio vince tra i giovani, i duetti della serata - photo

E’ la volta poi di Marco Mengoni accolto con un boato dal pubblico dell’Ariston. Tirato a lucido per la serata storica, ha cantato “Ciao amore ciao” di Luigi Tenco e a stento è riuscito a trattenere le lacrime. Lo sforzo è lodevole. Dopo l’inaugurazione della statua di Mike Bongiorno, Rocco e i suoi fratelli (nani) sono pronti per il loro momento. Elio e le storie tese sono stati accompagnati da Rocco Siffredi per presentare “Un bacio piccolissimo” . Rocco Siffredi non ha cantato, ma ha recitato la poesia di Prévert ‘Questo amore’. L’esibizione è stata ironica e divertente, come ci hanno abituato fiin’ora. Max Gazzè ha cantato poi “Ma che freddo fa” di Nada. Bellissima, la canzone e la sua interpretazione. Si è interrotta qui Sanremo Story per accogliere Pippo Baudo che, come dice Fazio, “ha inventato il Festival”. E’ stato alquanto strano vederlo con i capelli bianchi, per nulla serioso e persino autoironico.

Sanremo 2013: Antonio Maggio vince tra i giovani, i duetti della serata - photo
Sanremo 2013: Antonio Maggio vince tra i giovani, i duetti della serata - photo
Sanremo 2013: Antonio Maggio vince tra i giovani, i duetti della serata - photo
Sanremo 2013: Antonio Maggio vince tra i giovani, i duetti della serata - photo

La serata della memoria è continuata poi con Chiara Galiazzo che ha interpretato “Almeno tu nell’universo” dell’indimenticabile Mia Martini. L’esibizione è un po’ sotto sforzo, d’altronde la canzone è impegnativa e richiedeva forse un’interpretazione più intensa. Chiudono gli Almamegretta con James Senese, Marcello Coleman, il rapper Clementino e Albino D'Amato cantando “Il ragazzo della via Gluck”. James Senese, scugnizzo partenopeo-afroamericano è un grandissimo sassofonista e risolleva il rap di Clementino. Infine dopo aver ascoltato le 4 esibizioni dei giovani: Antonio Maggio con "Mi servirebbe sapere", i Blastema con "Dietro l'intima ragione", Ilaria Porceddu e la sua "In equilibrio" e Renzo Rubino con "Il postino (amami uomo)" c’è stata la proclamazione del vincitore di questa categoria, decretato per il 50% dal televoto e per il 50% dalla Giuria di qualità. Vince Sanremo giovani 2013 Antonio Maggio con “Mi servirebbe sapere".

Sanremo 2013: Antonio Maggio vince tra i giovani, i duetti della serata
Crediti: Emma, Archivio web