Sanremo 2013: Elio e "La canzone mononota", il video del bis

Elio e le storie tese e l'esibizione a Sanremo 2013
Ecrit par

La terza serata del Festival di Sanremo ha rivisto l'esibizione dei 14 big in gara. Tra loro, Elio e le storie tese hanno riproposto "La canzone mononota" con un'esibizione a dir poco bizzarra. Guarda il video della canzone su melty.it

Dopo l'esclusione, mercoledì sera, del brano "Dannati Forever", Elio e le storie tese hanno eseguito ieri l'irriverente "Canzone mononota", lungamente applaudita dal pubblico e diventata oramai un 'cult' di questo Festival. Nella classifica provvisoria il pezzo si è classificato però solo all'ottava posizione. "La Canzone mononota", di cui potete vedere il video della 1^ serata su melty.it, era stata scelta con un vero e proprio plebiscito, avendo ricevuto l'81 % dei voti. Le ragioni sono sicuramente da rinvenire nel ritmo trascinante e nell'interpretazione, sempre sopra le righe, del gruppo di Elio e le storie tese. E' un brano questo che trova il suo punto di forza nel non prendersi sul serio e nel saper divertire facendosi beffe di tutto, anche della gara. E per ridere basta guardare gli interpreti: Elio ha cominciato a cantare con le mani sui fianchi poi, dopo qualche gorgheggio, sono sbucate altre due mani da sotto alla giacca che hanno afferrato il microfono per lo stupore divertito di tutti, del pubblico in sala e, sicuramente, di quello da casa.

Il resto della band, con tanto di 'einsteiniani' frontoni finti, era assolutamente in linea con la bizzaria del frontman. Elio e le Storie Tese sono tornati sul palco del Festival di Sanremo a distanza di anni dalla fortunata esibizione di "La terra dei cachi" e non sembrano affatto aver perso la loro caratteristica verve. L'originalità graffiante del testo di "La canzone mononota" lo dimostra. Proprio Elio, scherzando, ha rivelato in un'intervista come è nato il pezzo: "Non abbiamo avuto tempo per preparare brani all'altezza della manifestazione, così abbiamo optato per una canzone monotona che poi abbiamo sapientemente mutato in mononota per essere più in tema con la gara".