Rugby: Italia-Francia 23-18 al Sei Nazioni, il video degli highlights

Castrogiovanni festeggiato dopo la meta
Ecrit par

Grazie a un grandissimo Luciano Orquera, e alle mete di Parisse e Castrogiovanni, l'Italia del rugby ha centrato una vittoria storica contro la Francia nel primo matche del Sei Nazioni 2013. All'Olimpico di Roma finisce 23-18.

In una domenica che verrà ricordata anche per il ritorno dell'Italtennis tra le 8 grandi del mondo, è il rugby a regalarci la più grande emozione. Già due anni fa l'Italia aveva battuto a sorpresa la Francia (22-21, di Andrea Masi l'unica meta azzurra), questa volta la Nazionale allenata da Brunel ha trionfato sui transalpini senza neppure l'aiuto della dea bendata, ma giocando una partita perfetta e realizzando due mete meravigliose. La prima, dopo appena 4', è a detta di Massimo Calandri (Repubblica) “la più bella mai vista” della storia dell'Italrugby. Tutto nasce da un recupero di McLean, e il contropiede è di una fluidità disarmante, anche per i rudi transalpini. Da Botes a Orquera, da Orquera a Parisse, sul lato sinistro del campo. 50 metri perfetti. Con la prima trasformazione comincia il festival dei calci piazzati di Orquera, che a fine gara sarà eletto man of the match.

Rugby: Italia-Francia 23-18 al Sei Nazioni, il video degli highlights

Dopo 11' la Francia risponde con la meta di Picamoles, ma Michalac sbaglia la trasformazione. Orquera di nuovo sugli scudi al 15' e al 18' con un drop e un calcio piazzato (13-5 per noi), poi la Francia costruisce il vantaggio: prima un calcio piazzato di Michalac, poi al 33' la meta di Fall con successiva trasformazione. Si va al riposo sul 13-15. 13-18 dopo 10' grazie ancora a Michalac, ma al 17' arriva la svolta: è di nuovo Orquera a scappare via tra i giganti e ad offrire a Castrogiovanni l'ovale della meta decisiva. Lo stesso Orquera trasforma, al 28' il neo-entrato Burton arrotonda con un drop. Francesi annichiliti, il capitano Sergio Parisse radioso ai microfoni di Sky: “Meglio di così non poteva andare. E' una vittoria di questo gruppo, ma di tutti quelli che hanno vestito questa maglia”. Mai la nazionale di rugby aveva esordito in un Sei Nazioni in questo modo. La cura Brunel può farci sognare?

Rugby: Italia-Francia 23-18 al Sei Nazioni, il video degli highlights