Rocio Morales, Anna Tatangelo, Nina Zilli: I top look di Sanremo 2015

Carlo Conti e Rocio Munoz Morales per la finale di Sanremo 2015
Ecrit par

Poche ma buone: si sono contate sulla punta delle dita le scelte azzeccate in fatto di look al 65esimo Festival di Sanremo. Indiscussa reginetta la spagnola Rocio Munoz Morales, seguita a sorpresa da Anna Tatangelo e Nina Zilli.

Non è stato un Festival che si è fatto notare per i bei costumi. Questo però ha fatto sì che la scelte giuste siano spiccate. Per quanto riguarda Rocio Munoz Morales ancora di più, visto che è stata l'unica vera valletta a calcare il palco dell'Ariston, degna di precedenti come Elisabetta Canalis e Belen. Ha cominciato con abiti Armani Privé (scopri tutti i cambi di Rocio), di tale eleganza da far dubitare di poter eguagliare gli stessi livelli nelle serate successive. Ma la compilation modaiola di Rocio, proseguita con Roberto Cavalli Atelier e Alberta Ferretti, non ha deluso. Complice un fisico statuario, dal rosso dell'esordio al fucsia scintillante della finale, la fidanzata di Raoul Bova ( scopri di più sulla terza valletta) è stata l'indubbia reginetta di stile del 65esimo Festival di Sanremo. Nel giro di una settimana, la spagnola Morales ha cambiato anche taglio di capelli: per l'ultimo appuntamento con l'Ariston aveva improvvisamente la frangetta. Ricordava persino Audrey Hepuburn.

Non ha particolarmente osato ma i suoi look sono stati sempre vincenti: è il caso di una delle prime escluse dall'Ariston (per questa edizione, si intende): Anna Tatangelo. Vestita da Francesco Paolo Salerno, la compagna di Gigi D'Alessio ha giocato prevalentemente sul bianco e nero e in particolare per la serata delle cover ha azzardato uno spacco alla Rodriguez, senza esibire però nessuna farfallina. Piuttosto sembrava untatuaggio l'abito di Anna Tatangelo per la quarta serata del Festival, tanto che Carlo Conti si è voltato a guardarla, alla fine dell'esibizione, meravigliato del grande disegno che le attraversava le spalle. L'eliminazione della cantante di "Libera" (guarda l'esibizione di Anna Tatangelo all'Ariston)"ha creato sdegno tra i fan e non solo.

Il mantello bicolor che avvolgeva il suo miniabito bianco non ha riscosso grandi successi. Ma le altre scelte in fatto di look hanno completamente riabilitato Nina Zilli agli occhi della "giuria fashion" costituita dal pubblico di Sanremo, già ben impressionato dall'audace scelta di partenza: vestire Vivienne Westwood, l'eccentrica creativa inglese. Così la cantante del blues "Sola" (guarda l'esibizione di Nina Zilli)"ha iniziato con un abitino dorato dalle maniche ampie, è passata al mantello della discordia, ed ha concluso con il nero scintillante, nella quarta serata intervallato solo dalle scarpe col tacco di un rosso acceso e per la finale total black, mentre cantava bellissima con i lunghi capelli sciolti.

Crediti: repubblica, nanopress, Repubblica, ladyblitz, pourfemme, purfemm, femaleworld