Robin Williams morto: La passione per lo sport

Robin Williams con Lance Armstrong
Ecrit par

Ciclismo, baseball, rugby, basket, calcio, golf: sono molti gli sport di cui Robin Williams era appassionato o che compaiono nei suoi film. Ecco una carrellata delle scene memorabili

Tra le passioni della vita del compianto Robin Williams, quelle passioni che purtroppo non sono riuscite a dargli motivazioni sufficienti per andare avanti nella propria lotta all'alcol e alla depressione, c'era anche lo sport. Una passione spontanea, trasversale, che negli anni lo ha avvicinato a molte discipline diverse e a numerosi campioni, anche molto discussi come Lance Armstrong. Tra le più chiacchierate c'è stata proprio l'amicizia con l'ex campione di ciclismo, che Williams sostenne strenuamente di fronte alle aspre accuse di doping dando anche il proprio contributo alla fondazione contro il cancro istituita dal ciclista texano, Livestrong. Quando però Armstrong, nell'arcinota intervista a Oprah Winfrey, ammise l'uso di doping, Williams si sentì “pugnalato alle spalle” secondo alcune fonti, pur se l'attore non rilasciò dichiarazioni ufficiali. Così in questo giorno, ben più triste di quello in cui Armstrong rivelò la propria verità, è l'atleta di Austin ad esprimere tramite Twitter il proprio cordoglio, dicendo: “Ti ricorderò sempre come un grande amico”.

Altri articoli su Robin WilliamsRobin Williams: Perché si è suicidato?Robin Williams morto: Mrs. Doubtfire 2 sarà cancellato?Robin Williams: L'attimo Fuggente, il film più amatoRobin Williams: Frasi, le battute più belle dei suoi film

Robin Williams morto: La passione per lo sport

Non solo ciclismo, però, dicevamo: da buon americano, Robin Williams aveva un rapporto privilegiato con il baseball, trasposto addirittura nel “passato senza tempo” dell'Isola che non c'è nella celebre scena in cui il figlioletto Jack, Spugna e altri personaggi si sfidano in una partita su un campo improvvisato nel covo dei pirati. Tifosissimo dei New York Mets, Williams compare anche in una nota (negli USA) pubblicità per lo snack “Snickers”, in cui impersona un bizzarro allenatore che dà indicazioni sconclusionate a giocatori comprensibilmente perplessi. Di poco inferiore a quella per il baseball (unita occasionalmente a quella per il rugby) è la passione per il basket, che entra in scena in “Flubber” con un improbabile incontro scolastico condizionato dall'imprevedibile sostanza verde inventata dal professor Brainard. Sono molti i cestisti, soprattutto americani, che hanno avuto l'onore di incontrare l'attore nativo di Chicago. Tra loro spicca l'ex campione dei Lakers Kareem Abdul-Jabbar, che su Facebook ha voluto salutarlo così: “Sarà dura dimenticare qualcuno che ci ha dato così tante cose da ricordare”.

Robin Williams morto: La passione per lo sport

Nei film che Williams ha impreziosito con le sue irripetibili doti di recitazione, tra gli altri, fa capolino anche il calcio, che ha il suo prestigioso cameo ne “L'attimo fuggente”: in una scena del film il professor Keating porta tutta la classe sul campo di calcio, invitando gli studenti a tirare al ritmo di versi poetici e della musica di Beethoven. I ragazzi si faranno poi coinvolgere a tal punto che ne nascerà una combattutissima partita con tanto di abbraccio finale all'amato professore portato in trionfo. Per chiudere, pur se non è comprensibile a tutti, vale la pena di ricordare la splendida gag di Robin Williams sulla Scozia e l'origine del golf, di cui riportiamo il video qui sotto. Con un esilarante accento scozzese, già sfoderato per l'indimenticabile Mrs. Doubtfire, Williams parla dell'invenzione del golf e ne mette in ridicolo le varie sfaccettature fino ad arrivare all'idolo americano Tiger Woods. Per questo e per molto altro, Robin Williams ci mancherà.

Robin Williams morto: La passione per lo sport - photo
Robin Williams morto: La passione per lo sport - photo
Robin Williams morto: La passione per lo sport - photo
Crediti: Archivio web, Twitter