Robin Williams morto: Ramsey, la maledizione torna sul web

Il giocatore Aaron Ramsey
Ecrit par

Dopo quelle di Paul Walker, Osama Bin Laden e Steve Jobs, anche la morte di Robin Williams sarebbe, secondo alcuni buontemponi, collegata ai gol del calciatore Aaron Ramsey dell’Arsenal. Domenica 10 agosto aveva segnato al Manchester City.

La morte di Robin Williams, secondo alcuni internauti “spiritosi”, altro non sarebbe che la conseguenza di un goal segnato dal calciatore Aaron Ramsey nella partita domenica scorsa, valida per la vittoria della Community Shield, contro il Manchester City. Oltre al celebre attore, le altre morti famose arrivate per la “maledizione” dei gol di Ramsey, sono quelle di Paul Walker, Osama bin Laden, Steve Jobs, Muammar Gheddafi e Witney Houston. La cabala che riguarda il centrocampista dei Gunners, secondo un articolo del "Sun" del 2012, avrebbe un inizio ben preciso: il 1 maggio 2011. Data in cui Ramsey segnò contro Il Manchester United, vigilia del 2 maggio, qunado morì Osama Bin Laden in seguito al raid americano. Ma se sono tre indizi che fanno una prova è dopo la morte di Steve Jobs e di Muammar Gheddafi, nell’ottobre del 2011 - in seguito, neanche a dirlo, a due gol del giocatore gallese contro Tottenham e Marsiglia - che si comincia a parlare in Inghilterra di una vera e e propria "maledizione Ramsey".

Altri articoli su Robin WilliamsRobin Williams morto: Le reazioni su TwitterRobin Williams è morto: Suicidio per l'attore di 'Patch Adams'Robin Williams: Le 5 migliori scene dai filmRobin Williams morto: La maledizione di Ramsey impazza su Twitter

Sull'accostamento Ramsey-Robin Williams morto su Twitter è comparso l’hashtag #RamseyEffect, che sta vedendo nelle ultime ore scatenare i commenti di numerosi utenti. Sui social network infatti, in questa giornata in cui sono molte le condoglianze per la morte di Robin Williams, il nome del premio Oscar è associato al nome di Ramsey a cui viene chiesto, da parte di molti internauti, di smettere di segnare per preservare la salute dei propri idoli. Cosi nel frattempo escono pagine a lui dedicate anche su Facebook, come ad esempio qulla dal titolo “Salvare i gol di Ramsey è come salvare la vita di qualcuno”. La domanda che sorge è la seguente: si tratta solo di umorismo macabro, o di un vero e proprio linciaggio mediatico contro un presunto iettatore?

Robin Williams morto: Ramsey, la maledizione torna sul web
Robin Williams morto: Ramsey, la maledizione torna sul web

Se si trattasse del primo caso ci sarebbe da affrontare un discorso serio su cosa sia divertente e cosa no; se invece si parla di Ramsey come un vero porta-sfortuna la discussione sarebbe ben diversa. Per tacere queste voci verrebbe da dire come il calciatore, nella scorsa stagione, ha segnato 8 gol dopo i quali nessun personaggio famoso è deceduto. Ma forse per far capire a qualcuno più scaramantico la gravità dell’accusa, c’è da aggiungere che, dopo una calunnia del genere, sono in pochi quelli che sono riusciti a riprendersi e tornare alla ribalta. Spesso i presunti iettatori rimangono isolati dai loro “colleghi”, che, voltandogli le spalle, danno vita a una maledizione peggiore di quella di Aaron Ramsey.

Robin Williams morto: Ramsey, la maledizione torna sul web
Crediti: wikimedia.org, NMATV, web , onthefootball.wordpress.com, facebook.com