Raphael Gualazzi – Welcome to my hell: Ascoltalo su melty!

"Welcome to my hell" nella metro parigina
Ecrit par

Durante il suo showcase nella metropolitana di Parigi, Raphael Gualazzi ha regalato una splendida interpretazione acustica di “Welcome to my hell”, tratto dall’ultimo album “Happy Mistake”.

“Buongiorno mamma, portami all’inferno, adesso”: anche quando parla delle tenebre, Raphael Gualazzi lo fa con ironia, perché, come emerge dal testo del brano, il confine tra inferno e paradiso è molto labile. Dopo “Senza ritegno” e “Sai, ci basta un sogno” – entrambe presentate a Sanremo 2013 – questo brano, scritto con il trio di sorelle londinesi Puppini Sisters – ha ottime possibilità di diventare il nuovo singolo dell’album “Happy Mistake”. E’ il suggerimento che diamo noi di melty.it, ma forse lo stesso Gualazzi, che si è divertito a interpretarlo su un pianoforte mobile di legno nei suoi showcase selvaggi in Place des Abesses e poi nella stazione dellla metropolitana di Saint-Lazare a Parigi. Proprio dal suo live acustico, vi proponiamo il video realizzato da meltyProd. Buon ascolto!

good morning mama

take me down to hell now

take me down to hell now

good morning devils

you're not so bad there's someone worse than you

don't mean no devils

but men who won't fight for what they can't prove

I'm glad of being here I broke my chains

and suddenly a conscious statement seem to feed

my veins

good morning mama

take me down to hell now

take me down to hell now

take me down to hell now

and we will fall down

with tears

It'll hurt so

then we'll touch the ground and diggin' we'll find

our skies of blue

good morning mama

I raised myself to the highest point of the world

good morning father

no evil around and nothing that can hurt

I ain't got no tears, no dreams to dare

and what I thought was a paradise is a real hell

good morning mama take to my hell

ooh babe please now

I don't want you to stay down on your knees now

don't beg your pardon don't lay down

take my hell now

take my hell now

Crediti: Damien Bonnaire, meltyProd