Psy: Snoop Dogg intervista l'autore del “Gangnam Style”

Psy è stato intervistato da Snoop Dogg all'interno del programma GGN
Ecrit par

Psy ospite di Snoop Dogg per un'intervista. Occasione da non perdere per assistere a una chiacchierata fuori dal comune tra due dei personaggi più stravaganti dell'universo musicale mondiale

Psy, l'autore del “Gangnam Style”, è stato intervistato da Snoop Dogg. L'artista sud-coreano è stato ospite del programma web GGN (che sta per Double G News) condotto settimanalmente dal rapper californiano. Ne è venuta fuori una bella chiacchierata sulla musica e non solo tra due dei più curiosi personaggi del panorama musicale mondiale. Snoop Dogg, nei panni del conduttore, ha presentato l'artista sud-coreano così: “Sei un cantautore, un cantante, un rapper, un ballerino, un produttore musicale e un personaggio televisivo. Come vorresti essere classificato? ”. Psy ha risposto: “Se dovessi essere un personaggio vorrei essere il ragazzo divertente. Divertente e pieno di energia”. Collegandosi a questo concetto, Snoop Dogg gli ha chiesto da dove venga l'energia che mette nel suo lavoro e Psy ha risposto provocatoriamente: "Dal bere alcol". Quando poi il rapper gli ha chiesto da dove provenga il suo stile e il suo carisma, l'intervistato ha risposto candidamente: “Dalla forma del mio corpo. Perchè nessuno al mondo balla se ha un corpo come il mio. Io invece ballo la chubby dance”.

Dopo questo primo approccio l'intervista si è spostata sull'argomento musicale. Il rapper intervistatore ha chiesto per quando fosse previato il prossimo videoclip. La risposta di Psy è stata: “Ho realizzato due videoclip in questo paese (Stati Uniti) e quello che penso ora è che non sia importante il quando, bensì il come. Ho già pronte tante tracce ma sto cercando ancora una vera hit. Un giorno penso di essere pronto e il giorno successivo penso di non esserlo”. Alla domanda di Snoop Dogg sull'origine della sua passione per la musica, Psy ha risposto raccontandogli della sua esperienza al “Berklee College of Music” di Boston, cominciata nel 1997. A questo punto l'intervista si è spostata sul versante rap con una domanda sullo stato della cultura hip hop in Corea del Sud. La risposta di Psy è stata: “Prima di tutto bisogna considerare che, negli anni '70, '80 e nei primi anni '90, in Corea del Sud non avevamo familiarità con il rap. Poi con gli anni '90 c'è stato solo rap americano Tutti i rapper in corea crescevano guardando i vostri videoclip, tutti erano catturati da certe cose viste al loro interno. Il problema è che certe cose non le potevamo fare in Corea e quindi guardavamo semplicemente”.

Snoop Dogg gli ha chiesto se, prima di pubblicarlo, si fosse mai aspettato il successo di "Gangnam Style", primo video della storia a superare il miliardo di visualizzazioni su Youtube. Psy ha risposto: “Avevo già pubblicato quel brano da tempo per il pubblico coreano... Poi il video ha cominciato a essere visto e condiviso dalle star negli Stati Uniti, fino al giorno che ne ha parlato anche la CNN”. In conclusione dell'intervista Psy ha dovuto completare tre frasi sospese di Snoop Dogg, ecco cosa né uscito:

  • Se potessi collaborare con chiunque vorrei collaborare con … Snoop Dogg
  • Se potessi vedere qualsiasi concerto dal vivo vorrei vedere quello di … Snoop Dogg
  • Il mio nome è Psy e sono un … fottuto gentleman
Crediti: Youtube, Archivio web