Primarie PD: Voto all’estero, Parigi a Vendola, Londra a Renzi, Bruxelles a Bersani

I vendoliani festeaggiano a Parigi
Ecrit par

Oltre 15mila italiani all’estero hanno votato al primo turno delle primarie del centrosinistra. Noi di melty.it abbiamo seguito da vicino lo scrutinio di Parigi, dove Nichi Vendola ha vinto con oltre il 40% dei voti.

Le file a Bruxelles e Parigi, capitali dell’emigrazione dei giovani italiani in Europa, sono il simbolo del successo ottenuto dalle primarie, che hanno visto un afflusso alle urne di oltre 3,1 milioni di italiani e il successo simbolico dei ‘Marxisti per Tabacci’. Londra, che come New York ha visto la vittoria di Matteo Renzi (163 voti contro i 124 di Vendola e i 68 di Bersani), è stata letteralmente surclassata. Nella capitale inglese i votanti sono stati appena 360. A Bruxelles va la palma dell’entusiasmo: ben 1.312 partecipanti, con la vittoria dell’europeista Bersani al 37%, Vendola secondo con 28% e Renzi terzo al 26%. Il presidente della Puglia, oltre ai due secondi posti conquista anche una clamorosa vittoria a Parigi, dove i militanti di Sel già affollavano la sede della Federazione europea dei Socialisti martedì 20 novembre, in occasione del dibattito coi rappresentanti dei candidati. I votanti a Parigi sono stati 860, circa il doppio rispetto al 2005, e Vendola ha chiuso con il 40,6%, contro il 28,6% di Bersani e il 23,3% di Renzi.

All’Associazione Les Garibaldiens, sulle rive del Canal Saint Martin, la fila non si era esaurita neppure alle 20: 30, mezzora dopo l’ipotetica chiusura del seggio. La festa è iniziata con il voto del Presidente del seggio, l’ex magistrato Mario Vaudano, che poi ha guidato le operazioni di spoglio. Due schiere di bambini, da una parte due militanti renziane con marcato accento fiorentino e dall’altra un vendoliano con la tuta da fiorettista, hanno accompagnato con grida di esultanza e delusione la lettura delle schede. Ai Garibaldiens, che dei cinque seggi parigini è stato quello più affollato da giovani studenti, ricercatori e lavoratori dell’industria culturale, Nichi Vendola ha spopolato: 144 voti contro i 61 di Bersani, i 42 di Renzi, i 23 della Puppato e l’unica preferenza data a Tabacci. Bandiere e foto ricordo per i vendoliani, soddisfazione comune per il record di affluenza. La pasta alle olive e un bicchiere di vino hanno chiuso una giornata di spontanea fraternità democratica. Guarda su melty.it le foto scattate da Chiara Zappalà.