Primarie Pd 2013: Come iscriversi e votare

Renzi, Cuperlo e Civati
Ecrit par

Domenica 8 dicembre il popolo del centro-sinistra sceglierà tra Renzi, Cuperlo e Civati il volto del nuovo segretario del Partito Democratico. Su melty.it. potete trovare la spiegazione delle modalità di voto delle primarie 2013.

Manca davvero poco all’elezione del nuovo segretario del Partito Democratico, domenica 8 dicembre, infatti, il centro-sinistra scoprirà il nome del prossimo leader del Pd tra i tre sfidanti rimasti in gara dopo l’eliminazione di Pittella, nella prima fase delle primarie PD 2013, Matteo Renzi, Gianni Cuperlo e Pippo Civati. Al di là della campagna elettorale e dei programmi politici, ormai decisamente chiari, ciò che bisogna comprendere sono le modalità di votazione, anche perché, diciamocelo chiaramente, nell’ultimo periodo le dinamiche non sono state esattamente semplici e trasparenti. Come recita l’articolo 10 del Regolamento per l’elezione del Segretario e dell’Assemblea Nazionale, domenica 8 dicembre potranno votare tutti gli elettori e le elettrici che, avendo compiuto il 16° anno d’età “dichiarino di riconoscersi nella proposta politica del Partito, di sostenerlo alle elezioni, e accettino di essere registrate nell’Albo pubblico delle elettrici e degli elettori”, mentre i seggi saranno aperti dalle ore 8: 00 alle ore 20: 00. Coloro che invece dovranno registrarsi obbligatoriamente online, fino alle ore 12 del 6 dicembre, sono invece i ragazzi compresi tra i 16 e 18 anni, gli studenti, i lavoratori fuori sede e i cittadini temporaneamente lontani dalle proprie città.

Altri articoli su Primarie PD 2013Primarie PD: Dopo il finish di Renzi il dash di CuperloConfronto Pd: Civati vince davanti a Renzi, Cuperlo bocciatoPrimarie PD : La delusione nel nuovo video del Terzo Segreto di SatiraPippo Civati re del web, perché su Twitter vince Civati

Per quanto riguarda la ricerca del proprio seggio, gli elettori dovranno inserire sul sito www.primariepd2013.it il numero della propria sezione, indicato nella scheda elettorale, o rivolgersi a un qualsiasi circolo del Pd, mentre chi si trova all’estero - studenti Erasmus, militari, corpo consolare e diplomatico, ricercatori e universitari – dovrà contattare la Commissione Ripartizione che, a sua volta, informerà il Comitato nazionale per le elezioni tra gli italiani all'estero. Vi chiederete, e i non iscritti al partito? Non disperate, non sono esonerati dal voto - soprattutto se hanno già scelto i loro candidati dopo il confronto Sky tra Renzi, Cuperlo e Civati - ma dovranno firmare l'albo degli elettori delle Primarie e la normativa sulla privacy, dando il proprio nome e cognome, i dati anagrafici, la residenza e un eventuale indirizzo di posta elettronica. Votare per loro non è però gratis; infatti, a eccezione degli iscritti, gli altri elettori – tutti muniti di documento di riconoscimento e tessera elettorale - dovranno versare un contributo minimo 2 euro per le spese organizzative. Il Segretario eletto dovrà invece raggiungere la maggioranza assoluta dei consensi, in caso contrario si andrà a un ballottaggio a scrutinio segreto, di cui faranno parte i 1000 componenti dell’Assemblea nazionale eletta con metodo proporzionale in base ai voti ricevuti da ciascuna lista collegata ai tre candidati.

Crediti: Youdem Redazione, web , Ansa