Paola Bacchiddu in bikini per Tsipras: E' neo-femminismo social

La foto incriminata di Paola Bacchiddu
Ecrit par

Dopo il bikini-scandalo del capo comunicazione della lista Tsipras Paola Bacchiddu, il blog “Abbatto i muri” ha lanciato la campagna “Il corpo è mio e ci faccio quello che voglio”. Scopri la nuova iniziativa femminista su melty.it

Paola Bacchiddu, responsabile comunicazione della lista Tsipras in vista delle imminenti Elezioni Europee 2014, aveva postato una foto in bikini su Facebook con il commento “Ciao, è iniziata la campagna elettorale. E io uso qualunque mezzo. Votate l’altra Europa con Tsipras”. E' bastato qualche istante per scatenare la polemica social. Su Twitter, ad esempio, si leggono messaggi di questo tipo: “Anni di lotte per riconoscimento di diritti,parità di genere,e poi il bikini della #Bacchiddu usato per attirare voti: l'emancipazione muore”, e ancora: “P. #Bacchiddu, addetta comunicazione per #Tsipras, ha postato su Facebook una foto in bikini su uno yacht. Ma è proletaria dentro.” In molti hanno definito il gesto "Una vergogna per le donne", accusando la Bacchiddu di essere una persona "Poco seria". Non sono mancate, però, numerose testimonianze a sostegno della donna.

Paola Bacchiddu in bikini per Tsipras: E' neo-femminismo social

Il responsabile della comunicazione del Partito Democratico, Francesco Nicodemo, ha così commentato su Twitter: “Viva Paola, viva la bellezza. Io sto bene solo vestito da palombaro”. Elisa Calessi, giornalista di Libero, ha difeso allo stesso modo il gesto definendolo “Una trovata chiaramente ironica”. Anche Paola Concia, ex ministro delle Pari Opportunità con il governo di Centrosinistra, ha condiviso l’hashtag #ilfemminismononèsuorismo e ha risposto a un Tweet scrivendo: "Quella di Paola Bacchiddu è una iniziativa che viene da una storia, da una cultura".

Paola Bacchiddu in bikini per Tsipras: E' neo-femminismo social - photo
Paola Bacchiddu in bikini per Tsipras: E' neo-femminismo social - photo

Alessandro Giglioli, dal suo blog sul sito "L'Espresso.it", ha spiegato il motivo che avrebbe spinto il capo comunicazione de L'altra Europa a postare la foto in bikini: "Venerdì scorso, esasperata, Paola mi fa: basta, in questo Paese e con questo sistema mediatico, l’unico modo per finire sui giornali è mostrare le tette o il culo. Di tette sono scarsa, domani mostro il culo. Pensavo che scherzasse.Invece l’ha fatto.Un’innocentissima foto delle vacanze, s’intende, ma l’ha fatto.Ha fatto bene? Ha fatto male? Non so, decidete voi. Purché sia chiaro il contesto". Il blog femminista di Eretica, “Abbatto i muri”, è andato addirittura oltre lanciando un’iniziativa a cui stanno aderendo in molti: “Ce lo chiede l’Europa: il corpo è mio e ci faccio quello che voglio”, è il titolo dell’articolo che sostiene Paola Bacchiddu. Nel giro di poco tempo, simpatizzanti del blog e della lista hanno aderito alla campagna postando numerosi scatti che mettono in risalto seni, lati B e altre parti del corpo. L'ennesimo vespaio sul neo-femminismo è servito.

Crediti: web , melty.it, facebook, Google images