Oscar Pistorius in libertà su cauzione

Oscar Pistorius è libero su cauzione
Ecrit par

Dopo una lunga attesa la decisione è arrivata. Oscar Pistorius può essere scarcerato su cauzione malgrado l'accusa di aver ucciso con premeditazione la fidanzata Reeva Steenkamp.

Il mondo dello sport è in allerta dal 14 febbraio, un San Valentino funesto per Oscar Pistroius, accusato di aver ucciso volontariamente la fidanzata Reeva Steenkamp. Questo pomeriggio, dopo diversi giorni di udienze a Pretoria, il giudice Nair ha accolto la richiesta dei legali dell'atleta olimpico e, pertanto, Oscar Pistorius è libero su cauzione. All'udire la sentenza letta dal giudice la famiglie e lo staff dell'atleta hanno gridato uno 'yes' liberatorio: per il momento possono dunque tirare un respiro di sollievo. La cauzione ammonta a 1milione di rand (la moneta sudafricana) ovvero a circa 90mila euro. L'atleta però non farà ritorno alla villa ed ha già dichiarato: "Non ho voglia di tornare laggiù". Durante il periodo di libertà condizionata, Pistoius dovrà presentarsi due volte alla settimana alla stazione di polizia e non potrà detenere armi, nè avere alcun contatto con i testimoni. Il passoporto dell'atleta verrà ritirato e non potrà lasciare il paese senza darne previa comunicazione alle autorità. La data del processo è stata fissato per il prossimo 4 giugno.

Oscar Pistorius in libertà su cauzione - photo
Oscar Pistorius in libertà su cauzione - photo
Oscar Pistorius in libertà su cauzione - photo

Il processo che comincerà a giugno sarà sicuramente travagliato quanto, se non di più, questi 4 giorni d'udienza. Il procuratore Gerrie Nel ha affermato questa mattina a proposito della dichiarazione di Pistorius: "Per trovare la sua versione probabile, bisogna sforzarsi. Perché una donna che si chiude in bagno alle 3 del mattino, che sente Pistorius urlare che c'é un intruso, non si mette a piangere e a gridare 'Oscar, dove sei? ' ". L'arringa di Barry Roux, il legale che difende Pistorius, è stata determinante per la decisione del giudice. L'avvocato ha ribadito con decisione che l'atleta ha sparato "alla cieca e non in modo premeditato" e che la sua versione non è affatto "improbabile". Inoltre, secondo Roux, il rischio fuga è inesistente poiché "le sue gambe necessitano di attenzione medica e le sue protesi di costante manutenzione".