Oscar 2015: Irina Shayk e Rita Ora seminude all'after party

Irina Shayk e Rita Ora
Ecrit par

Pensavate di aver visto tutto sul red carpet degli Oscar? Il meglio in realtà arriva quando cala il sipario e cominciano gli after party. Quello di Vanity Fair è stato animato da Irina Shayk e Rita Ora con davvero pochi veli...

Dopo gli impegnativi fasti del red carpet hollywoodiano, gli Oscar (scopri i vincitori) vanno celebrati con un after party che si rispetti e, soprattutto, dove le star possano sentirsi più a proprio agio. La dimostrazione di questa filosofia è stata perfettamente incarnata da Irina Shayk e Rita Ora, protagoniste dei festeggiamenti esclusivi organizzati da Vanity Fair. Ad uno sguardo poco attento i loro “vestiti” potrebbero sembrare uguali, entrambi di tulle trasparente, con strascichi neri che coprono l’indispensabile. In realtà la dea di Intimissimi Irina Shayk indossa una tuta a piccoli pois della griffe Versace- dalla collezione di alta moda per la prossima primavera siflata recentemente a Parigi- mentre Rita Ora, che è passata ad un look androgino, color biondo, ha un abito firmato Donna Karan.

Oscar 2015: Irina Shayk e Rita Ora seminude all'after party - photo
Oscar 2015: Irina Shayk e Rita Ora seminude all'after party - photo

Chissà se le due si fossero messe d’accordo o si sono trovate a rubare l’una la scena all’altra. Nell’ultimo caso è una sfida decisamente impari: per quanto Rita Ora potesse permettersi quell’abito, ardito ma non volgare, Irina Shayk vince a tavolino. Entrambe hanno giocato a farsi riprendere dai fotografi dal profilo migliore. Ci sarà un motivo se l’ex di Cristiano Ronaldo (scopri chi potrebbe essere il nuovo amore di Irina Shayk)è stata per anni il “volto” indiscusso del famoso marchio di intimo anche se, sotto al vestito per l’after party di Vanity Fair, della lingerie non ce n’era nemmeno l’ombra. Alla cerimonia degli Oscar Rita indossava un abito Marchesa certamente più adatto, seppur molto scollato: color blu notte, applicazioni dorate, taglio a sirena, lunga coda.

Crediti: metro, JustJared.com