Obama-Romney: Voto e grandi elettori, ecco come funziona

I due candidati alle presidenziali americane 2012
Ecrit par

Tra l'una e le 7 del mattino (in Italia) la chiusura dei seggi per le presidenziali americane. Ma come funziona il sistema elettorale negli USA? Primarie, caucus, grandi elettori, melty.it vi propone una guida per decifrare l' evento.

Caucus: questa parola trova origine nella tribù indiana Algonquin e significa "consiglio", "assemblea". Negli Stati Uniti, in riferimento alle elezioni presidenziali, rappresenta l'assemblea del partito convocata per scegliere i candidati. In alcuni stati della federazione, il caucus sostituisce o integra le primarie. Primarie: a differenza dei caucus, queste elezioni sono organizzate dagli stati e dai governi locali. Le primarie sono elezioni indirette, ovvero non nominano direttamente il candidato alla presidenza, bensì assegnano a ogni partito dei delegati che dovranno poi scegliere il candidato del proprio partito. Come i caucus, queste elezioni possono tenersi tra il gennaio e il giugno prima delle elezioni. Numerose polemiche sono state sollevate riguardo al fatto che Iowa e New Hampshire sono i primi stati ad organizzare rispettivamente il caucus e le primarie, dunque influenzano spesso l'esito delle votazioni negli altri stati.

A cosa servono le convention?

Convention: Le convention dei partiti sono organizzate ogni quattro anni in vista delle elezioni presidenziali. Inizialmente il loro ruolo era quello di definire gli obiettivi comuni del partito e scegliere il candidato alle presidenziali, tuttavia, con l'introduzione delle primarie e dei caucus, conservano oggi una funzione perlopiù celebrativa. In caso di elezioni presidenziali, per "convention" si intendono implicitamente quella Democratica e quella Repubblicana.

Chi sono i grandi elettori e quanto sono importanti?

Grandi elettori: Sono i 538 delegati (100 senatori e 438 deputati) che eleggono il presidente degli Stati Uniti. Le elezioni presidenziali sono indirette: questa notte i cittadini americani eleggeranno una lista di grandi elettori associati a Romney o a Obama, che poi eleggeranno il presidente in dicembre. Ad ogni stato sono assegnati due grandi elettori più un numero che varia a seconda della popolazione. Questo sistema ha dato origine a controversie per motivi di sovrarappresentazione di alcuni piccoli stati, oggi scarsamente popolati, ai quali è assegnato un numero di grandi elettori proporzionalmente maggiore rispetto ad altri. Nella lotta serrata tra Obama e Romney i grandi elettori saranno decisivi, e potrebbero assegnare la vittoria a un candidato che ha ricevuto un minor numero di voti . Al candidato che ottiene la maggioranza in un determinato stato sono assegnati infatti tutti i grandi elettori del suddetto stato, il che significa che un candidato puó essere eletto presidente pur non avendo il voto della maggioranza degli elettori americani (come nel caso Bush - Al Gore nel 2000).

Crediti: archivio web