Noemi a Sanremo 2014: “Gli artisti sanremesi sono troppo timidi!”

Noemi
Ecrit par

Nella conferenza stampa di Sanremo 2014 Noemi ha parlato della sua esperienza sanremese, riservando ai suoi colleghi una piccola frecciatina “Sono troppo timidi”, ma ha anche parlato di The Voice e del nuovo album “Made in London”. Scopri di più su melty.it.

Noemi, al secolo Veronica Scopelliti, partiva da favorita al Festival di Sanremo: bookmaker e critici ne erano sicuri. E anche le sue prime esibizioni sembravano preannunciare un buon successo. Ma il pubblico da casa non era d'accordo così, e ha preferito Francesco Renga e Arisa, ai primi posti nella classifica provvisoria di Sanremo 2014. Per Noemi solo un nono posto, ma lei in conferenza stampa con la sua calma e solarità ha affermato “Vincere non è il mio scopo, accetto con serenità il 9° posto”. Eppure “Bagnati dal sole”, il brano che ha proseguito la gara preferito a “Un uomo è un albero”, è un brano pop rock che punta tutto sulla potente voce, nonostante non sia per nulla un brano sanremese, come affermato dalla stessa cantante. E a proposito di Sanremo Noemi lancia una frecciatina ai suoi colleghi, definendoli troppo timidi, ovvero che non osano la modernità: “Bagnati dal sole è un brano al di fuori dal coro nella cornice di Sanremo: sul palco sono tutti molto seri. Ci sono canzoni belle come quelle di Renga e Arisa, però io speravo che passasse modernità: siamo un po' fifoni dal punto di vista musicale".

Noemi a Sanremo 2014: “Gli artisti sanremesi sono troppo timidi!”

E di modernità ce n’è molta nel suo ultimo lavoro in studio “Made in London”, registrato e prodotto a Londra. “Amo molto la musica anglofona, le produzioni inglesi, americane, il soul, il blues, il brit pop: personalmente la sfida era riuscire a fare un disco che suonasse internazionale e moderno senza perdere la mia identità di artista italiana. Le produzione più belle, e penso a Beatles, Rolling Stones, Amy Winehouse, fino ad artisti di oggi come Adele producono gli album a Londra. Non voglio essere polemica, ma noi italiani forse vogliamo sguazzare nella mediocrità per essere sereni”. E ancora sulla musica italiana, Noemi nutre una speranza: “La musica italiana ha bisogno di una ventata di freschezza: deve recuperare la dimensione più ludica, senza però dimenticare i grandi cantautori che con la musica hanno composto delle poesie” Ed è il caso di “La costruzione di un amore” di Ivano Fossati che Noemi ha interpretato nella quarta puntata diSanremo.

Noemi a Sanremo 2014: “Gli artisti sanremesi sono troppo timidi!”

Una volta terminato Sanremo, Noemi sarà impegnata come giudice della seconda edizione di The Voice, una grande scuola secondo quanto dichiarato dalla stessa cantante: “Quest'anno e mezzo mi ha permesso di crescere tanto. La vicinanza con Raffaella Carrà mi sta influenzando. Prima mi sentivo più a mio agio sui palchi dei live, ma Piero Pelù e Raffaella mi hanno aiutato a capire come stare in televisione". Nella seconda stagione Riccardo Cocciante sarà sostituito da J Ax: “A Sanremo mi sto divertendo e continuerò a farlo a The Voice, dove metterò la mia esperienza a servizio del mio piccolo team. J Ax porterà una sferzata di novità all'interno del format, e porterà soprattutto l'hip hop, una sorta di poesia moderna perchè dietro al rap si nascondono grandi parolieri".

Noemi a Sanremo 2014: “Gli artisti sanremesi sono troppo timidi!” - photo
Noemi a Sanremo 2014: “Gli artisti sanremesi sono troppo timidi!” - photo
Noemi a Sanremo 2014: “Gli artisti sanremesi sono troppo timidi!” - photo
Crediti: Archivio web, rai, Noemi , Youtube