Nicole Minetti: "Amavo Berlusconi", confessione al Processo Ruby

Berlusconi-Minetti: fu amore?
Ecrit par

Il Processo Ruby riparte con le deposizioni degli accusati, tra cui l’ex consigliere regionale della Lombardia Nicole Minetti. L’igienista dentale di Silvio Berlusconi ammette “un sentimento d’amore” provato allora per l’ex premier.

Processo Ruby, è il momento degli imputati. Lele Mora, Emilio Fede e soprattutto Nicole Minetti hanno rilasciato delle deposizioni spontanee nel corso dell’udienza di venerdì 7 giugno. La pubblica accusa aveva richiesto per i tre una pena di 7 anni, per il reato di favoreggiamento della prostituzione nell’ambito della vicenda legata alle sexy-serate ad Arcore, nella villa di Silvio Berlusconi. Protagonista dell’odierna cronaca giudiziaria al Tribunale di Milano è senz’altro l’ex consigliere regionale in Lombardia, che ha si è lasciata andare alla rivelazione-shock: “Tengo a precisare che con Berlusconi c’era un vero sentimento d’amore, avevamo una relazione” è l’ammissione dell’igienista dentale dell’ex premier. “Ci confrontavamo sul nostro futuro” ha proseguito Nicole Minetti, lasciando intendere l’esistenza di una relazione stabile con l’uomo di Arcore. “Lo conobbi per la prima volta alla Fiera del Ciclo e del Motociclo di Milano, e gli strinsi la mano” spiega, “Era il 2008. Da allora, tramite Marystelle Polanco (altra “olgettina” coinvolta nel caso degli assegni versati alle ragazze dopo le serate, n.d.r), è cominciata una sorta di corteggiamento, con Berlusconi che mi invitava più volte a cena da lui”. La testimonianza segue quella della "vittima" Karima El-Mahroug, in arte Ruby, che aveva parlato di buste di denaro e dei travestimenti della Minetti durante le "cene eleganti", in occasione della precedente udienza.

Nicole Minetti: "Amavo Berlusconi", confessione al Processo Ruby

La Minetti ha poi denunciato il clima creatosi nei suoi confronti: “C’è stata una campagna mediatica diffamatoria senza precedenti verso di me, a seguito del mio ingresso in politica” ha dichiarato, parlando di “minacce che coinvolgono anche la mia famiglia. Ormai devo convivere con la paura”. La bella Nicole ha quindi toccato proprio l’argomento del suo ingresso nelle Istituzioni: “Don Verzè (messo recentemente a confronto con Don Gallo da melty.it, n.d.r) voleva che in Regione Lombardia ci fosse qualcuno che rappresentasse il San Raffaele, e io ho accettato con grande senso di responsabilità, ma anche con un pò di inconsapevolezza”. L’ex showgirl di “Colorado” ha poi respinto le accuse secondo le quali era lei a “smistare” le ragazze di Via Olgettina in vista delle serate a casa di Berlusconi: “Le famose cene di Arcore esistevano ben prima che arrivassi io” ha precisato Nicole Minetti, “Non ha mai introdotto le ragazze ad Arcore. Non sapevo, poi, che Ruby fosse minorenne. Volevo solo toglierla dalla strada” è la difesa della ex rappresentante Pdl al Pirellone. La clamorosa confessione della Minetti aggiunge un nuovo capitolo alla saga personale dell'ex “mentore” di Ruby. Un’ulteriore “Sfumatura” per un possibile spin-off del romanzo tanto gradito a Nicole.

Nicole Minetti: "Amavo Berlusconi", confessione al Processo Ruby - photo
Nicole Minetti: "Amavo Berlusconi", confessione al Processo Ruby - photo
Nicole Minetti: "Amavo Berlusconi", confessione al Processo Ruby - photo
Nicole Minetti: "Amavo Berlusconi", confessione al Processo Ruby - photo
Crediti: Google, Youtube/ilfattoquotidiano, Archivi web, Archivio web, archivio, archivi