Nichi Vendola: Su Facebook le dimissioni da deputato

Nichi Vendola
Ecrit par

Nichi Vendola presenta ufficialmente le sue dimissioni da deputato alla Camera. Resterà presidente della Puglia. La notizia data sulla sua pagina Facebook dopo l'intervento della deputata Cinque Stelle Maria Marzana.

Nichi Vendola mantiene intatta la sua coerenza e presenta le dimissioni da deputato della Camera. Il presidente di Sinistra Ecologia e Libertà lascia il suo incarico di deputato, e annuncia la notizia via Facebook sulla sua pagina ufficiale: "Ho presentato a Montecitorio le mie dimissioni da parlamentare". Nichi Vendola, che è solito utilizzare Facebook per i messaggi più importanti ad alleati e concorrenti diretti, usa questa volta il social network per annunciare le sue dimissioni e mettere a tacere le voci di un doppio stipendio per lui. Quello che - si vociferava - avrebbe percepito come deputato e come Governatore della regione Puglia. La notizia, comunicata alla stampa all'uscita dalla sede del PD, dove ha incontrato Pier Luigi Bersani, non arriva del tutto inattesa. Vendola aveva già lasciato intendere in passato la sua preferenza per l'incarico della Regione Puglia, quello per cui è stato eletto direttamente e sul quale ha costruito la sua fortuna politica degli ultimi anni. Sulla pagina Facebook le reazioni all'annuncio delle dimissioni variano dal più empatico "Chi ti attacca dovrebbe vergognarsi" al più entusiastico "Ma se l'avessi fatto un mese fa, non facevi una figura migliore? ".

La goccia che ha fatto traboccare il vaso di Nichi Vendola è stato l'intervento di Maria Marzana alla Camera, che ha denunciato pubblicamente il "doppio incarico" di 177 parlamentari eletti nella tornata elettorale del 24-25 febbraio. Tra questi, sono 36 i parlamentari che conservano un ruolo nelle Regioni, tra cui Nichi Vendola e Roberto Cota in Piemonte. Roberto Cota aveva già scelto per la Regione Piemonte, Nichi Vendola è rimasto in dubbio fino a oggi. La deputata Marzana, a onor del vero, ha motivato il suo intervento con il rischio che il prossimo Presidente della Repubblica venga eletto con i voti dei parlamentari che in seguito si sarebbero dimessi, a causa del loro doppio incarico. L'articolo che la deputata Marzana cita è il 122 della Costituzione, che impedisce il doppio incarico tra Regioni e Parlamento, sia italiano sia europeo. Nichi Vendola lascia quindi il Parlamento, con una conclusione che sa di amaro in bocca: "C'è stata contro di me una strumentale e infondata campagna di stampa, con menzogne e meschinità sul fatto che avrei potuto sommare emolumenti differenti". Non lo dubitiamo, ma perché la decisione è arrivata solo oggi?

Crediti: Archivio web