Nichi Vendola assolto e commosso, le Primarie del centro-sinistra hanno inizio

Il logo elettorale di Nichi Vendola per le primarie del centrosinistra
Ecrit par

Il governatore della Puglia Nichi Vendola è stato assolto dal tribunale di Bari dall’accusa di abuso d’ufficio. Visibilmente commosso, Vendola può dare ufficialmente inizio alla campagna elettorale per le primarie del centro-sinistra.

Si era tenuto in disparte, aveva ridotto le sue partecipazioni televisive, pur consolidando l’intesa col segretario del PD Pierluigi Bersani. Il leader di Sinistra e Libertà Nichi Vendola attendeva con ansia il verdetto del tribunale di Bari, che lo accusava di abuso di ufficio nella nomina di un primario di ospedale. Un primario, tra l’altro, politicamente vicino al centro-destra. Per rispetto della giustizia e dell’alto valore della politica, Vendola non aveva ancora spinto sull’acceleratore della campagna elettorale, che lo condurrà insieme a Renzi, Bersani e agli altri candidati alle elezioni primarie del centro-sinistra, in programma il 25 novembre prossimo. E’ un atteggiamento che molti politici dovrebbero prendere ad esempio. Perché Vendola, pur consapevole di essere vittima di un’ingiustizia, ha rispettato le istituzioni e avrebbe rispettato anche un’eventuale sentenza di condanna, ritirandosi dalla vita pubblica. “Sono una persona perbene”, ha detto ai giornalisti uscendo dal Tribunale, visibilmente commosso.

Per il governatore della Puglia quello che era un gravissimo rischio si trasforma ora in una tombola. Da una parte si erge a vittima di un complotto, dall’altra a paladino della giustizia. “Io ho passato un’intera vita sulle barricate della legalità”, ha concluso. Si conferma inoltre un uomo politico dal profilo istituzionale, lontano quindi dall’anti-politica e dal populismo. Dal punto di vista elettorale, Nichi Vendola vince un bonus che potrebbe capitalizzare alle primarie del centro-sinistra. Oltre al dualismo tra Matteo Renzi, sotto accusa per i suoi rapporti con la finanza, assisteremo anche all’emergere del terzo incomodo, destinato a conquistare la parte più a sinistra dell’elettorato. I sondaggi ne risentiranno? Come cambiano i rapporti di forza all’interno del centro-sinistra?

Crediti: Archivio web