Nelson Mandela è morto, il cordoglio di Zuma

Nelson Mandela
Ecrit par

Il presidente Zuma ha da poco annunciato la morte di Nelson Mandela, storico leader sudafricano che si è spento all’età di 95 anni. I dettagli su melty.it.

Con un commosso messaggio televisivo alla nazione il Presidente Zuma ha comunicato la morte di Nelson Mandela, storico leader sudafricano. Malato da tempo, Mandela è morto serenamente nella sua casa di Johannesburg. "Voglio ricordare con semplici parole la sua umiltà, la sua grande umanità per la quale il mondo intero avrà grande gratitudine per sempre" ha dichiarato nel discorso il Presidente Zuma che ha disposto lutto nazionale ed esequie di stato: da venerdì fino al giorno dei funerali le bandiere di tutto il paese saranno a mezz’asta. "La sua anima riposi in pace. Dio benedica l'Africa" ha concluso il presidente Zuma.

Altri articoli su Nelson MandelaNelson Mandela: La morte e le primissime reazioni TwitterNelson Mandela morto: Le reazioni di Morgan Freeman e Idris ElbaNelson Mandela morto: L'omaggio di Kate Middleton e WilliamNelson Mandela: Il tweet di Paris Hilton è un ignobile fake

Nelson Mandela è morto, il cordoglio di Zuma
L'annuncio di Zuma
Nelson Mandela è morto, il cordoglio di Zuma

Nato nel 1918, Mandela è stato il simbolo della lotta contro l’apartheid sudafricano ma non solo: nel corso della sua vita è stato un simbolo della lotta contro ogni forma di discriminazione e ha incarnato i sentimenti di un continente intero, l’Africa, che lottava per emergere. Proprio per le sue strenue battaglie, che gli sono costate l’incarcerazione per quasi trent’anni, nel 1993 è stato insignito del Nobel per la Pace. Dolore e costernazione si sono diffusi in tutto il mondo e in particolar modo sul web, dove sono già tantissimi i messaggi per “Madiba” come era affettuosamente chiamato Nelson Mandela.

Nelson Mandela è morto, il cordoglio di Zuma
Mandela - i ritratti
Nelson Mandela è morto, il cordoglio di Zuma - photo
Nelson Mandela è morto, il cordoglio di Zuma - photo
Nelson Mandela è morto, il cordoglio di Zuma - photo
La vita di Mandela - di Piero Loredan

Per quasi sei mesi le precarie condizioni di Mandela hanno tenuto col fiato sospeso il mondo intero. Madiba, come veniva affettuosamente chiamato dal suo popolo, era stato ricoverato in ospedale lo scorso 8 giugno, a causa di un'infezione polmonare. Il 23 giugno la notizia di un serio aggravarsi delle sua situazione. I Sudafricani avevano cominciato a prepararsi al peggio e famigliari, compagni di lotta, ammiratori e media da tutto il mondo si erano dati appuntamento all'ospedale di Pretoria dove Mandela era stato ricoverato più volte negli ultimi mesi. Nel giorno del suo 95esimo compleanno il presidente del Sudafrica Jacob Zuma aveva parlato di un presunto miglioramento del suo stato di salute, ma sembra che da allora le sue condizioni siano rimaste critiche.

Quindi il 18 novembre quando il presidente aveva nuovamente visitato Mandela e osservato come Madiba continuasse a rispondere positivamente ai trattamenti. Alcuni giorni fa, il 3 dicembre, sua figlia Makaziwe Mandela ha lodato il coraggio del padre “sul letto di morte”. La sua salute in declino è stata oggetto di molte speculazioni negli ultimi anni. Nel 2001, gli fu stato diagnosticato il cancro alla prostata, da cui si riprese completamente. Nel 2011, fu ricoverato in ospedale a seguito di una grave infezione delle vie respiratorie. Da quel momento furono numerosi i ricoveri a causa di ripetute infezioni polmonari. Diventato sempre più fragile, Madiba si era ritirato dalla vita pubblica nel 2004 , all'età di 85 anni. L'ultima apparizione fu durante la cerimonia di chiusura dei Mondiali di calcio del 2010. Da allora, ha diviso il suo tempo tra la sua casa di Houghton, a Johannesburg, e quella di Qunu (il suo villaggio d'origine) nella regione dell'Eastern Cape.

Nelson Mandela diventò il simbolo della lotta contro l'apartheid dopo essere stato condannato nel 1962 all'ergastolo a Robben Island, gelida isola a sud di Cape Town. Quando tornò libero, nel 1990, Madiba tenne un discorso rimasto leggendario: “Ho combattuto contro la dominazione bianca e ho combattuto contro la dominazione nera, ho accarezzato l'ideale di una società democratica e libera in cui tutte le persone vivono insieme in armonia e con pari opportunità; è un ideale che spero di vivere e di raggiungere, ma se necessario, è un ideale per cui sono disposto a morire”. Nelson Mandela è stato una figura chiave dell'African National Congress, divenato il partito politico di maggioranza sudafricano, nato per combattere la segregazione razziali. Per far fronte a una sempre più spietata repressione razzista contribuì a fondare il braccio armato del partito, Umkhonto we Sizwe. Fu imprigionato per 27 anni prima e rilasciato soltanto nel 1990, all'età di 71. Mandela è stato insignito del Premio Nobel per la pace nel 1993 , insieme con l'ex presidente De Klerk , per la “risoluzione pacifica del regime dell'apartheid e per aver posto le basi per un nuovo Sudafrica democratico”. Un anno dopo fu eletto presidente nelle prime elezioni democratiche del paese. Si è dimesso dalla presidenza nel 1999, dopo un mandato, ma ha continuato per alcuni anni a incidere significativamente sulla politica sudafricana.

Crediti: sky news, Amnesty International, Archivio web