NBA: 31 di LeBron James e Datome a segno, il punto sui playoff

Il tiro di Curry in condizioni quasi impossibili
Ecrit par

Gigi Datome segna il suo primo canestro ai playoff NBA, ma Cleveland passa a Boston con 31 punti di LeBron James e va sul 3-0. Rose e Curry trascinano Golden State e Chicago. Il punto dopo le prime gare 3.

Mentre la NBA inizia ad assegnare i suoi premi stagionali (miglior sesto uomo dell'anno Lou Williams di Toronto, miglior allenatore Mike Budenholzer di Atlanta, miglior difensore Kawhi Leonard di San Antonio), si sono giocate la scorsa notte le prime gare 3 delle serie del primo turno di playoff. In una post-season che continua a regalare grandi emozioni ma poco equilibrio in termini di risultati (solamente la serie tra Clippers e Spurs è sull'1-1), le tre squadre impegnate in trasferta hanno tutte fatto il risultato portandosi sul 3-0, pur se in modo diverso: com'era prevedibile, ad avere la vita più facile di tutte è stata Cleveland, passata a Boston per 103-95 grazie soprattutto ai 31 punti e 11 rimbalzi di LeBron James, e ora pronta a chiudere i giochi in gara 4 o al massimo in gara 5. I Celtics sono caduti a testa alta provandoci quasi fino alla fine con un buon Evan Turner (19 punti, 8 rimbalzi e 8 assist), ma ciò che salta agli occhi per il pubblico italiano è il primo canestro ai playoff NBA nella carriera di Gigi Datome: al terzo tentativo nei suoi quasi 10 minuti in campo, infatti, Gigi è riuscito a sbloccarsi anche ai playoff dopo le ottime cose fatte vedere sul finale della stagione regolare, ed è riuscito anche ad abbinare un assist ai suoi primi due punti. Un piccolo passo per un giocatore NBA, ma un grande balzo per un giocatore che fino a pochi mesi fa “ammuffiva” sulla panchina dei Detroit Pistons.

Decisamente più avvincenti gli altri due incontri della notte: a Milwaukee, in una partita “in altalena”, i Bulls sono precipitati fino al -18 nel secondo quarto, ma si sono risollevati con un Derrick Rose d'altri tempi (34 punti e 8 assist), si sono fatti riprendere da Khris Middleton (18) e infine sono andati a vincere 106-113 dopo due tempi supplementari, aiutati anche dall'intramontabile Pau Gasol (17 e 14 rimbalzi). Anche a New Orleans sembrava che finalmente i Pelicans potessero mettere a segno il primo “punto” nella serie ma, con un pazzesco ultimo quarto da 19-39 e una tripla sulla sirena ai limiti dell'impossibile del solito Steph Curry (40 e 9 assist), gli Warriors sono riusciti ad acciuffare il supplementare, portando poi a casa la vittoria corsara per 119-123. A nulla sono serviti i 29 punti di Anthony Davis e i 26 di Ryan Anderson, mentre nelle file ospiti vanno segnalati i 28 punti di Klay Thompson, senza il quale la rimonta sarebbe rimasta una beata speranza. Il thriller continuerà questa notte con Dallas-Houston (texani costretti a vincere per sperare), Washington-Toronto (canadesi già spacciati dopo le due sconfitte interne) e soprattutto San Antonio-Los Angeles Clippers, con i californiani desiderosi di rifarsi dopo essersi inchinati a Tim Duncan in gara 2.

>>> STATISTICHE E ALTRI HIGHLIGHTS

Crediti: Archivio web