Natale 2014: Cosa vedere in TV

Una Poltrona per due, in onda mercoledì 24 dicembre su Italia 1
Ecrit par

A Natale siamo tutti più teledipendenti. Il palinsesto delle strenne propone appuntamenti nuovi o classici, da gustare da soli, con gli amici o la famiglia. Come orientarsi nella programmazione e cosa non perdersi.

1. Una poltrona per due: chi sperava che quest’anno non sarebbe andato in onda rimarrà deluso. Perché se si parla di “corsi e ricorsi”, di appuntamenti puntuali come morte e tasse o di adorabili tradizioni natalizie (a seconda dei punti di vista), Una poltrona per due è l’eterno presente e, secondo gli economisti cinefili, una lezione di finanza sotto i fiocchi di neve. I meccanismi della storia riprendono un contesto ancora attuale in un’esplosione di cappotti, ombretti, parrucche di iperrealismo anni ‘80: un “adesso” nell’ “allora”, il revival che legge il presente. La storia la conoscono tutti, o quasi e racconta di uno scambio di persona. I due fratelli Randolph e Mortimer Duke sostituiscono il broker bianco e wasp Louis Winthorpe III con il clochard Billy Ray Valentine che vive di espedienti allo scopo di dimostrare che l’ambiente influenza la realizzazione personale. Una scommessa di sociologia che usa inconsapevoli pedine umane. Con Eddie Murphy, Dan Aykroyd e una super-anni ‘80 Jamie Lee Curtis. In onda il 24 dicembre su Italia 1 alle 21.10.

2. Frozen – Il regno del ghiaccio: la principessa dalle uova d’oro. Frozen è il regno di ghiaccio della Disney che ha scaldato gli incassi del Natale 2013. Uscito nelle sale lo scorso Natale, è il più grande incasso della storia dell’animazione. Un successo planetario, una fiaba contemporanea, una nuova idea di principessa. Frozen ha un cuore classico (riadatta una fiaba di Hans Christian Andersen “La regina delle nevi”, pubblicata per la prima volta nel 1845,) ma per la prima volta si concentra sull’amore tra sorelle invece che tra principe e principessa. Perché anche la principessa del ghiaccio può innamorarsi, come Carrie Bradshaw di Sex and the city, dell’uomo sbagliato. In onda il 24 dicembre su Sky Uno alle 21.10.

3. La Messa della Vigilia: perché il sacro passa anche, talvolta (molto talvolta) dal catodico. Sembra la cosa più rivoluzionaria guardare la Messa in TV, ma forse sarebbe la più naturale. Natale è Messa di Mezzanotte per antonomasia, anche nell’immaginario commerciale dei cenoni e dei regali. Se, contravvenendo a Marshall McLuhan, stabiliamo che “il mezzo” non è il messaggio ma solo “un mezzo”, la Messa in TV è (quasi) come la Messa dal vivo. Per chi è impossibilitato ad andare in chiesa fisicamente. Per chi ci crede nuotando controcorrente nel mare del cinismo. Per chi si fa ancora incantare dalla Basilica di San Pietro. In onda il 24 dicembre su Raiuno alle ore 21.10.

4. Love Actually: Londra a Natale e amori sotto l’albero. Dieci storie tra neve, cuori e bagliori. A Hugh Grant politico in love si resiste meno che in versione libraio di Notting Hill. Un film dolce come i canditi, tante fette di storie, le scintille dell’amore che brillano come frammenti di stella cometa. Natale non è Natale senza regali, ma neanche senza Love Actually. In onda il 26 dicembre alle 21.15 su Premium Cinema Emotion.

5. Cartoni Disney: non averli sarebbe come avere un albero di Natale senza regali, un presepe senza Re Magi, un pandoro senza mascarpone. Ecco la top 5 dei Disney di Natale 2014 da vedere in TV.

6. Lodovico Einaudi live all’Arena di Verona: il Natale, per qualcuno, è un pianoforte sotto un tappeto di stelle. In lontananza, il rumore dei passi di corsa, la carta dei regali che si strappa, la stella di un albero di Natale che brilla all’orizzonte, il mito della città dell’amore. L’Arena è magica la notte di Natale e Lodovico Einaudi… è Lodovico Einaudi. Un Natale tra poesia e malinconica dolcezza. In onda il 24 dicembre su Sky Arte alle 21.10.

7. La storia infinita 1 e 2: se Natale è il giorno dei sogni, se a Natale si può pensare a cose straordinarie, allora si può passarlo in volo con Falcor. Perché La storia infinita è meglio di Peter Pan, chiude fuori a chiave la realtà mentre l’incanto si fonde con il tepore domestico. Ancora meglio se si può vedere davanti al camino, con un tè caldo, con l’albero illuminato che si riflette sullo schermo. La fiaba è sempre uno state of mind. In onda il 25 dicembre su Italia 1 dalle 14.30.

8. La Banda dei Babbi Natale: Natale è anche Aldo, Giovanni e Giacomo. Un trio che stride di fianco a prodotti comici di adesso come I Soliti Idioti, ma che ha vissuto il passaggio da secolo a secolo, da millennio a millennio. Aldo, Giovanni e Giacomo hanno modi di fare e stili quasi troppo garbati, da anni ’90, ma conquistano ancora il pubblico trasversalmente perché riescono a catalizzare la visione di famiglia. Dopo una partita a Monopoli o a carte, dopo aver costruito il castello della Playmobil dei bambini e mangiato la ventesima fetta di Pandoro, Aldo, Giovanni e Giacomo vestiti da Babbo Natali ci possono stare. Anche perché c’è Mara Maionchi contro cui si scatenano uomini e animali. Da vedere. In onda il 27 dicembre su Canale 5 alle 21.15.

9. Simpson natalizi: Natale dissacrato, Natale giallo, Natale simpsonizzato. I Simpson-maniaci ma non solo non possono perdersi le puntate natalizie. Non c’è bisogno di nessun perché, non si può e basta. In onda ogni sera su Italia 1 alle 19.

10. Intimissimi on ice – Opera pop: ancora Arena di Verona, con il ghiaccio e i pattini che riempiono l’aria natalizia di cuori romantici. Un momento incantevole e incantato, brandizzato Intimissimi collezione autunno/inverno 2014 (un product placement che fa sognare e punta a esaurire tutto o quasi negli store). Opera POP è uno show di stelle sui pattini tra le energie luminose, costumi sfavillanti, effetti speciali, virtuosismi tecnici e artistici. Opera POP è riproposto il pomeriggio di Natale, perché il ghiaccio incantato di Frozen continua anche dopo i titoli di coda. In onda il 25 dicembre su Canale 5 alle ore 18.

C'è un grande assente ed è Mamma ho perso l'aereo. Ma per Kevin si può recuperare anche un DVD.

Crediti: Wired, Blogtivvù, Variety, YouTube, Decido