MotoGP, Mugello: Il GP d'Italia, sesta gara del Mondiale 2014

Il circuito del Mugello
Ecrit par

La sesta prova del Mondiale 2014 della MotoGP si correrà in terra italiana per lo storico GP del Mugello. Un circuito che ha fatto la storia delle due ruote e che non vede un'affermazione italiana da troppi anni. Di più su melty.it.

29 edizioni per il GP d'Italia al Mugello. Stiamo parlando di una pista storica per tutto il movimento motociclistico mondiale e per la MotoGP. Un circuito tra i più belli e spettacolari di tutta la stagione, ricco di fascino e spettacolo, capace di mettere i brividi e da sempre meta prediletta di tutti gli appassionati italiani dello sport su due ruote. I motivi per esserci quest'anno sono davvero tanti, ad iniziare dal grande traguardo che qui raggiungerà Valentino Rossi. Per lui saranno 300 gare in carriera e non poteva esserci momento migliore per festeggiare questa ricorrenza. Due secondi posti di fila e una forma ritrovata che si spera lo vedrà lottare ancora una volta con i tre terribili spagnoli per un posto sul podio. Il favorito assoluto per la vittoria sarà però ancora Marc Marquez, vincitore nel GP di Le Mans e fin qui dominatore assoluto di tutte le gare. Per la vittoria bisognerà fare i conti con lui e l'ennesimo trionfo nuovamente dietro l'angolo. Da non sottovalutare nemmeno le possibilità di Lorenzo. Qui la Yamaha è sempre andata molto bene e le ultime tre edizioni sono state vinte tutte dallo spagnolo. Un ottimo biglietto da visita.

Altri articoli su MotoGPMotoGP, Le Mans: Marquez vince davanti a Valentino Rossi, terzo BautistaMotoGP, Le Mans: Highlights, foto e commento della gara in FranciaMotoGP, Mugello: Rossi e Marquez, la sfida nel GP d'Italia 2014

MotoGP, Mugello: Il GP d'Italia, sesta gara del Mondiale 2014

La voglia di rivedere un italiano davanti a tutti è davvero tanta. É infatti passato davvero troppo tempo dall'ultima vittoria di uno dei nostri piloti su questo circuito. A riuscirci, manco a dirlo, il solito Valentino Rossi nel 2008. Erano gli anni del grande dominio italiano, quelli in cui, per 7 anni di fila a vincere fu uno solo, proprio il numero 46, prima con Honda e poi con Yamaha. Ma insieme a lui sul podio ci sono spesso stati anche due altri grandi come Max Biaggi e Loris Capirossi. La Ducati riuscì invece a trionfare grazie a Casey Stoner, vincitore qui nel 2009. Per il resto, in tempi recenti si contano ben 6 vittorie dell'australiano Mick Doohan. Tra i piloti ancora in pista Lorenzo è a quota tre, Pedrosa è riuscito a trionfare qui nel 2010, mentre Marquez ha vinto nel 2010 in 125 e nel 2011 in Moto2, sarà ora alla ricerca della prima affermazione assoluta nella classe regina. Il Mugello, circuito di proprietà Ferrari, è teatro stabile di una gara del Motomondiale dal 1994.

MotoGP, Mugello: Il GP d'Italia, sesta gara del Mondiale 2014

La prima edizione di un GP d'Italia e invece arrivata nel lontano 1949, nel circuito di Monza, dove si corse sino al 1973. Successivamente il GP d'Italia arrivo in varie piste, tra cui Imola, Misano e, appunto, il Mugello. Da molti riconosciuto come uno dei circuiti più belli del Motomondiale, presenta una lunghezza di 5.245 metri per 15 curve, nove a destra e sei a sinistra. Fu costruita nel 1972 e dal 1988 è proprietà Ferrari. É uno dei circuiti più veloci dove, grazie al lunghissimo rettilineo di 1141 metri, si fanno registrare velocità di punta altissime: qui nel 2006 Pedrosa arrivò a 349 Km/h. Ma non mancano nemmeno delle parti molto lente e adatte a favorire i sorpassi: la San Donato; la Casanova-Savelli, una destra-sinistra in discesa molto tecnica; le Arrabbiate, due curve cieche in salita. Ma per tutti gli appassionati ogni curva della pista racconta una parte di storia della MotoGP.

MotoGP, Mugello: Il GP d'Italia, sesta gara del Mondiale 2014

La speranza per tutti gli italiani per questa MotoGP 2014 è che si torni a gioire per il trionfo di un pilota italiano. E quale occasione migliore se non il GP di casa? Sarà di sicuro molto difficile ma le speranze per fare qualcosa di buono ci sono tutte. Occhi puntati quindi su Valentino Rossi: “300 GP ed è un traguardo che non mi rende felice perché significa che sono vecchio – ha affermato - Sono però felice di festeggiarlo qui e, soprattutto, di esserci arrivato in buona forma con delle belle gare alle spalle”. E tutti gli italiani saranno felici di festeggiare con lui. Da non dimenticare però nemmeno le Ducati di Andrea Dovizioso, Andrea Iannone e Michele Pirro. Si spera facciano bene anche loro, per un tricolore in alto sul podio di una delle gare più importanti dell'anno.

Manuel Lai

MotoGP, Mugello: Il GP d'Italia, sesta gara del Mondiale 2014
Crediti: MotoGP, Archivio web