MotoGP: Marquez, Lorenzo, Rossi, le pagelle del GP d'Australia

I quattro alfieri della MotoGP in Australia
Ecrit par

Una gara bellissima, la migliore della MotoGP 2015. Il GP d'Australia ha visto Marquez vincere all'ultimo giro su Lorenzo e Iannone con Rossi quarto. Leggi le pagelle della gara.

Una gara da 10 e lode, la più bella di questo 2015, una delle più belle e incerte degli ultimi anni. Basterebbe questo per fotografare alla perfezione il GP d'Australia, la sveglia più bella per tutti i tifosi italiani che hanno deciso di alzarsi alle 7 del mattino per seguire questa sfida. In quattro hanno lottato dall'inizio alla fine per la vittoria, in quattro se le sono date di santa ragione per 27 giri al cardiopalma, da seguire tutti in piedi sul divano come direbbe Guido Meda. Marquez ha vinto una gara magnifica dopo un ultimo giro spettacolare che ha privato Lorenzo di una vittoria che gli avrebbe potuto regalare punti preziosissimi per il mondiale. Lo spagnolo è stato comunque aiutato da Iannone, anche lui spettacolare e capace di chiudere in terza posizione dopo una lotta con i primi tre della classe. Una sfida mai vista, un trenino di moto che ci ha regalato dei sorpassi incredibile e dei momenti indimenticabili. Sarebbe bellissimo se questa stagione non finisse mai ma alla fine mancano solo due gare alla fine di questo mondiale sempre più incerto. Ora i punti che separano Rossi e Lorenzo sono 11, un ottimo bottino da amministrare con due gare ma non sufficiente per stare tranquilli. Dato Lorenzo sempre vincitore a lui basterà arrivare sempre secondo, ma con tanti rivali a frapporsi tra lui e lo spagnolo le cose potrebbero farsi molto più difficili. In attesa di scoprire cosa succederà tra due settimane in Malesia ecco le pagelle di melty del GP d'Australia.

MotoGP: Marquez, Lorenzo, Rossi, le pagelle del GP d'Australia

Marc Marquez: Un marziano, un genio, miracoloso come non mai. La sua è stata una gara di sali e scendi, con momenti importanti, sorpassi incredibili e tanta lotta, un po' lo stesso copione che ha contraddistinto la gara dei suoi rivali per la vittoria. A emergere è stato però un ultimo giro da antologia, di quelli che solo un campione vero può portare a segno. Fino a due giri dalla fine Lorenzo era involato per la vittoria, con Marquez in lotta con Iannone e Rossi per la seconda posizione. Dopo essersi liberato dei due rivali il numero 93 ha rotto gli indugi e costruito un ultimo giro da paura, ottenendo non solo il record della pista, ma anche recuperando un secondo di margine in pocchissime curve e superando Lorenzo a due curve dalla fine. Un capolavoro di follia e talento, una vittoria meritatissima e da antologia per quello che sarà il campione del futuro di questo sport. Se serviva un'altra prova tangibile l'abbiamo avuta quest'oggi. Voto 10

Jorge Lorenzo: Come i suoi tre colleghi ha portato a casa una gara bellissima, impegnativa e ricca di sorpassi e momenti incredibili. A conti fatti è stato quello capace di stare più degli altri in prima posizione. Ha provato in due occasioni ad imporre il suo ritmo, ma la conformazione particolare della pista e la forza dei rivali non gli ha permesso di fare del tutto la differenza. Bravo a riprendere la bussola dopo essersi visto nuovamente risucchiato dalla lotta a quattro e ottimo nell'essere riuscito a guadagnare altri punti importanti per il suo mondiale. Non ha potuto nulla con un Marquez così spettacolare, ma oggi ha battuto il suo compagno di squadra ed era questa, anche psicologicamente, la cosa più importante. Voto 9

MotoGP: Marquez, Lorenzo, Rossi, le pagelle del GP d'Australia

Andrea Iannone: Spettacolare. Grazie ad una Ducati davvero ad alti livelli e con una velocità di punta irraggiungibile per tutti gli altri il pilota di Vasto ha costruito la gara perfetta, riuscendo a rimanere con i tre migliori del lotto dall'inizio alla fine. Dopo essersi scontrato con un gabbiano ha portato a casa un podio importantissimo, ottenuto dopo una lotta furibonda in cui le ha date di santa ragione a tutti, prima con Lorenzo per il primo posto e poi con Rossi e Marquez per il secondo. Per alcuni attimi ha dato la sensazione di poterla vincere e con una Ducati così non sarebbe stato nemmeno tanto strano. Il resto è stato però frutto del suo talento, della sua grinta e della sua totale assenza di timore reverenziale contro le leggende di questo sport. Non ha mai tirato dentro la gamba, prendendosi dei rischi assurdi e superando in certe occasioni anche due piloti alla volta. Suo il sorpasso migliore di giornata, quando ha infilato in una sola curva Marquez e Rossi in lotta per il secondo posto. Complimenti davvero. Voto 9

Valentino Rossi: L'obiettivo di arrivare davanti a Lorenzo è stato fallito e il quarto posto a questo punto della stagione non è certo un risultato da archiviare a due gare dalla fine della MotoGP 2015. I suoi punti di vantaggio sono però ancora undici, un buon margine a questo punto del mondiale. Oggi Rossi le ha provate tutte, ma era palese quanto fosse lievemente più in difficoltà rispetto agli altri rivali, compresa la Ducati di Iannone. Lui ha messo in pista per l'ennesima volta la stessa grinta e la stessa voglia di sempre, recuperando ancora una volta il gap accumulato durante il weekend. Numerosi sono stati i suoi sorpassi, assurdi i rischi che si è perso nonostante la posta in palio altissima: da sottolineare una manovra folle su Marquez con cui i due hanno rischiato di toccarsi, segno tangibile che il numero 46 questo mondiale lo vuole vincere a tutti i costi. Purtroppo per lui le cose non sono andate per il verso giusto, troppi gli avversari tra lui e Lorenzo, troppa la voglia dei rivali di stargli davanti per sperare di fare di più. Con due gare dalla fine le cose sono davvero complicate, ma lui ha comunque lottato per la vittoria fino alla fine. Voto 7,5

MotoGP: Marquez, Lorenzo, Rossi, le pagelle del GP d'Australia

Andrea Dovizioso: Ce lo stiamo chiedendo da tantissimo tempo e ce lo domandiamo a maggior ragione oggi dopo il terzo posto e la gara bellissima di Iannone. Che fine ha fatto l'Andrea di inizio stagione? Oggi il Dovi, in una pista che non ha mai amato, è arrivato addirittura tredicesimo, superato anche dalla Ducati di Danilo Petrucci. I 30 secondi di distacco dalla vetta sono un colpo durissimo da sopportare, acuiti da un Iannone in uno stato di forma assolutamente spettacolare. In questo fine settimana Andrea ha sbagliato tutto e in gara le cose sono addirittura peggiorate, per un rapporto con il team che sembra essere entrato quasi in crisi. Se il pilota riuscirà a riprendere serenità le cose miglioreranno: il materiale tecnico su cui lavorare c'è e il talento pure, occorrerà solo ritrovare la bussola. Speriamo solo di non dover vedere più gare di questo tipo per lui. Voto 3

GP Australia: Un ultimo voto per questa gara, la migliore dell'anno, una tra le più belle degli ultimi anni. Questa MotoGP 2015 ci sta davvero regalando delle soddisfazioni e delle emozioni mai viste prima. Parliamo della lotta apertissima per il Mondiale, ma anche di una serie di gare sempre incerte e con risultati in ogni occasione imprevedibili. Quello del GP d'Australia è stato probabilmente il punto più alto dell'anno, quello che verrà ricordato per sempre. Quattro piloti che hanno lottato fino all'ultimo giro per la vittoria, quattro alfieri che meriterebbero tutti il gradino più alto del podio. Tante sono state le emozioni, così come i sorpassi da antologia, suggellati da quell'ultimo giro di Marquez che è stato la ciliegina sulla torta di una sfida senza tempo. Difficilmente in futuro vedremo ancora una volta qualcosa del genere e siamo contenti di aver vissuto insieme a voi questo momento incredibile. Sarebbe bello se questo campionato non finisse mai. Voto 10+

Manuel Lai

Crediti: MotoGP, Archivio web