Monte Bianco: La Sfida Verticale di fare un talent sull'alpinismo, già senza Arisa (Recensione)

Monte Bianco - Sfida Verticale | recensione
Ecrit par

Pro e contro della 1^ puntata di "Monte Bianco - Sfida Verticale", primo reality adventure totalmente italiano. La prima cordata eliminata è stata quella di Arisa e Matteo Calcamuggi.

Prima di iniziare questa recensione, va fatta una piccola ma importante premessa: chi questo lunedì si aspettava di trovare su RaiDue una versione montanara di "Pechino Express" sarà rimasto deluso. Infatti, contrariamente a quanto era stato detto, "Monte Bianco - Sfida Verticale" non prevede alcun tipo di avventura: è semplicemente una sfilza di prove con pochissimi riferimenti al mondo del reality; potremmo piuttosto definirlo un talent show per aspiranti alpinisti vip. Il programma si presenta con un editing attuale, ispirato soprattutto dalle ambientazioni e dalle alture mozzafiato e a zero impatto trash (tranne per qualche piccola svirgolata, vedi Dayanne Mello che seminuda e a gattoni si lava nel fiume ghiacciato o Arisa che inveisce contro la sua guida a causa della troppa tensione). La vera Sfida Verticale di Monte Bianco è quella di cercare di rendere televisivo uno sport (l'alpinismo) che forse di televisivo ha veramente ben poco e che difficilmente può trasmettere qualcosa al telespettatore se non viene condito da qualcosa in più; magari da una tosta sfida testa a testa (che abbiamo visto solo nella Prova Classifica fra Jane Alexander e Filippo Facci) o da una prova dove tutti i concorrenti sono coinvolti contemporaneamente.

In tutto questo, nemmeno Caterina Balivo riesce a fare la differenza: lady "Detto Fatto" è a suo agio in questo ruolo di conduttrice "fuori porta" ma svolge una prova piuttosto sufficiente, dimostrando di non volersi mettere realmente alla prova. Solitamente gli inviati o i conduttori on-the-road si cimentano nelle prove che gli stessi concorrenti vip dovranno affrontare (vedi, Costantino Della Gherardesca che ha mangiato le larve o Alvin che si è tuffato nelle vasche dell'Isola dei Famosi) o quantomeno provano empatia nei loro confronti: Caterina Balivo, invece, si limita a fare il tifo, da lontano, armata di walkie talkie e completini da hipster. Ironia della sorte ha voluto che, la concorrente a cui faceva maggior tifo la nostra conduttrice, si è poi rivelata la vip prima eliminata della stagione: la povera Arisa non ha saputo reggere i ritmi della gara ed è stata battuta durante il "Duello Verticale" da Enzo Salvi.

In definitiva: "Monte Bianco - Sfida Verticale" è un talent vip che per il momento definiremmo senza infamia e sena lode. Non è una cima ma nemmeno un burrone. Interessante per certi aspetti, un po' lento e deludente per altri. Se le prove dovessero rimanere più o meno sempre di questo tipo, le uniche cose che potrebbero rilanciare lo show potrebbero essere delle liti fra concorrenti (che creano il giusto mix di scompiglio e competitività) o il rapito apprendimento delle tecniche da parte dei concorrenti (così da alzare fin da subito l'asticella ed iniziare quanto prima a fare sul serio).

Crediti: rai, Rai, melty.it