Monica Bellucci e James Bond: I nuovi mostri

Monica Bellucci
Ecrit par

Monica Bellucci è stata scelta per interpretare la bond girl nel prossimo film di James Bond, Spectre. Ma è una scelta così sbagliata?

Quando tutti ci eravamo convinti (e avevamo sperato) che se ne fosse andata finalmente in pensione, ecco che Monica Bellucci è tornata alla ribalta con una notizia che ci ha lasciati tutti di stucco: sarà la nuova bond girl nel prossimo capitolo di 007, Spectre. Lo dice lo stesso epiteto coniato per definire queste bellissime donne che da sempre continuano a tentare l’agente segreto al servizio di sua Maestà: “girl”, ragazza. A 50 anni suonati possiamo definire la Bellucci ancora una “ragazza”? L’anagrafe ci direbbe il contrario, ma le ultime foto dell’attrice immortalata alla conferenza stampa di presentazione del film, hanno mostrato che con mezzo secolo di vita sulle spalle Monica ha tutti i requisiti a posto per far perdere la testa al biondo Daniel Craig, confermato nei panni di James Bond. In un mondo in cui le MILF continuano a prendersi la propria rivincita sulle più ingenue ed inesperte 20enni, il cinema ha scelto ancora una volta di diventare specchio della realtà, piazzando nel letto dell’agente segreto una donna fatta, che porta con orgoglio le proprie rughe e la propria sensualità vissuta. Che poi la Bellucci non sia mai stata e mai sarà capace di recitare un testo di Shakespeare è un’altra questione.

Monica Bellucci e James Bond: I nuovi mostri

A voler essere corretti, comunque, fatte rare eccezioni (Halle Berry, Eva Green) le attrici che nel corso degli anni hanno interpretato il ruolo di una bond girl non sono state certo scelte per le proprie capacità attoriali. La più celebre bond girl di sempre, Ursula Andress, è entrata nella leggenda indossando un bikini bianco, non recitando un monologo da Actor’s Studio, e pur essendo bellissima non si può certo dire che abbia regalato interpretazioni intense o indimenticabili nel corso della sua carriera. Vogliamo parlare di Maria Grazia Cucinotta? A parte una 20ina di anni in meno e forse una personalità un tantino meno irritante, cos’aveva in più della Bellucci? L’unica difficoltà per Monica potrebbe essere il confronto col resto del cast, perché gli altri, inclusa la sua rivale femminile Lea Seydoux, sì che sanno recitare! E allora, tra un’inquadratura del suo décolleté e una del suo fondoschiena, Sam Mendes potrebbe decidere di regalare al personaggio della Bellucci una morte precoce, esattamente come successo per la sua collega siciliana in un altro episodio della saga. Fossero questi i parametri, per noi la Bellucci nazionale potrebbe decedere sullo schermo già subito dopo i titoli d’inizio.

Crediti: ilnee, web