Mila Kunis la più sexy del pianeta, Rihanna seconda

Mila Kunis
Ecrit par

Mila Kunis è la più sexy del mondo per i lettori di FHM. L'attrice ucraina la spunta su Rihanna e su Helen Flanagan. Guarda le sue foto su melty.it.

Il popolo ha parlato! Mila Kunis, la strega sexy ne "Il grande e potente OZ", è la donna più sexy del pianeta secondo i lettori di FHM, la rivista britannica di cultura popolare con oltre 8 milioni di lettori al mondo. Mila Kunis l'ha spuntata, sul filo del rasoio, su Rihanna e Helen Flanagan. Quest'ultima, per chi non lo sapesse, è un'attrice e modella britannica, ed era stata nominata la donna più sexy d'Inghilterra. Mila Kunis, che ha una relazione con l'attore americano Ashton Kutcher, ci ha dato modo di apprezzarla in tutta la sua bellezza ne "Il cigno nero" di Darren Aronofsky, in cui entra nelle fantasie sessuali di Natalie Portman.

Mila Kunis la più sexy del pianeta, Rihanna seconda - photo
Mila Kunis la più sexy del pianeta, Rihanna seconda - photo
Mila Kunis la più sexy del pianeta, Rihanna seconda - photo
Mila Kunis la più sexy del pianeta, Rihanna seconda - photo
Mila Kunis la più sexy del pianeta, Rihanna seconda - photo

Lo scorso anno l'ambito posto è stato occupato dalla semi sconosciuta (almeno per noi) Tulisa Contostavlos, cantautrice britannica protagonista di un sex tape. I lettori non avevano apprezzato che la prima posizione fosse assegna proprio a lei tra le 3.301.112.087 donne esistenti nel mondo. La classifica che incorona Mila Kunis (a cui è stato proposto anche il ruolo di Anastasia Steele in "50 Sfumature di grigio") è il risultato dei voti degli utenti che nel 2013 sono aumentati esponenzialmente. Se avete ancora dubbi sul risultato andate a dare un'occhiata a questo video in cui Mila Kunis mette in imbarazzo un giornalista di Radio 1, Chris Stark, durante un'intervista. Il "povero" giornalista capitola davanti al fascino di Mila Kunis diventando sempre più paonazzo e incapace di farle alcuna domanda sensata.

Mila Kunis la più sexy del pianeta, Rihanna seconda
Crediti: bbcradio1, Archivio web