Microsoft: In arrivo Superman e Tesla, smartphone Lumia per i selfie

Immagini del prossimo Lumia di Microsoft, Superman
Ecrit par

Dopo aver acquisito Nokia Microsoft si prepara a lanciare sul mercato Superman, un nuovo smartphone appositamente studiato per le fotografie e i tanti amati/odiati selfie. Scopri di cosa si tratta su melty.it.

Amanti dei selfie preparatevi, è in arrivo lo smartphone per voi. Sembra che Microsoft, dopo aver acquistato Nokia, stia cercando di conquistare sempre maggiori fette all'interno del mercato smartphone. Non potendo contrastare Android e i suoi record sullo stesso terreno di gioco già da tempo ha cercato di differenziare la propria offerta creando terminali con una tecnologia fotografica all'avanguardia. PureView, la tecnologia che ha riscritto lo standard fotografico per smartphone sarà presente anche nel nuovo dispositivo che prenderà il nome di Superman. Il nuovo device si rivolgerà specificatamente a tutti quegli utenti che amano gli autoscatti alla follia e che non vedono l'ora di condividere le proprie foto sui social network. Si tratta di un vero e proprio “Selfie Phone”, sulla falsariga di quello prodotto poco tempo fa da Sony, l'Xperia C3.

La scheda tecnica di Superman sarà davvero di buon livello grazie ad un display da 4,7 pollici con risoluzione da 720 pixel. Il processore sarà un Qualcomm Snapdragona 400 da 1.2 GHz con ram da 1GB e 8GB di memoria d'archiviazione espandibile. La batteria sarà da 2.200 mAh, mentre la fotocamera frontale avrà una risoluzione monster che dovrebbe attestarsi tra i 5 o addirittura i 6,5 megapixel. Dopo aver licenziato 1aver licenziato 18 mila dipendenti Microsoft si prepara a nuove mosse in campo smartphone. Insieme a Superman arriverà anche Tesla, modello che dovrebbe far parte della linea Lumia e distinguersi dalla concorrenza per essere un top di gamma con prezzo accessibile. Il design sarà simile al Lumia 930, ma con uno spessore ridotto e una fotocamera più performante. Nella società dell'estetica e delle foto sempre e comunque è proprio quello che ci vuole.

Fonte: Il Messaggero - Crediti: Archivio web